martedì 08 agosto 2017

            

                                                                                             accade a Roma

GABBIANI A ROMA

Qualcuno dice che sono aumentati. Può essere. Capita a tutte le specie quando c'è abbondanza di cibo e con il servizio di raccolta rifiuti di questi ultimi mesi sicuramente i topi ballano e i gabbiani anche.

Qualcuno dice anche che sono arrivati a Roma per un qualche apocalittico motivo di recente apparizione. Non è vero. I gabbiani sul fiume ci sono almeno dalla fine dell'800 quando Ettore Roesler Franz li ha ritratti in acquarello dell'Isola Tiberina. Non vorremo mettere in discussione lo sguardo di un paesaggista che era anche fotografo, spero.

Qualcuno non li ama perché sono carnivori. E uccidono i piccioni. Ma signori cari, intanto la punta del becco rossastra è caratteristica della specie, non è il segno del fiero e truce pasto appena consumato. E vi ricordo anche che i piccioni sono considerati i topi dell'aria con tutto quello che ciò comporta in termini di parassiti e malattie. Da questo punto di vista direi "forza gabbiani" ma non saranno loro a sterminare i piccioni che, ricordo, sono tanto "domestici" da salire sui tavolini dei bar a cercare briciole di tutto. Capisco che pensiamo romanticamente al "tenero Colombo" o alla bianca colomba della pace ma questi non sono per niente teneri.

Sono dalla parte dei gabbiani, si, certamente. Ne ho salvato uno che era ferito e aveva cercato riparo sul terrazzo condominiale. C'è n'è uno che è venuto ad abitare sul tetto del palazzo d'angolo alla Chiesa Nuova. Eh... Lui è un grande furbacchione. A una "certa" Scende sulla fontana, si guarda intorno, con un occhio punta il cesto dei rifiuti dove i turisti lasciano tranci di pizza, con l'altro occhio guarda che non ci siano umani nelle vicinanze.

E poi c'è la colonia tiberina. Il Tevere sembra si stia ripopolando di pesce che forse noi umani faremo bene a non sfiorare ma che per loro va benissimo, alla faccia del nostro sistema immunitario. Io spesso me li godo. Planano sull'acqua, si lasciano trasportare dalla corrente per un po', poi si alzano in volo,m tornano indietro fino al ponte di prima e il gioco ricomincia.

Poi ci sono i nottambuli, quelli che volano intorno alle luci di piazza Venezia e li senti tutta notte. Qualcuno dice che hanno il bioritmo alterato delle luci della città. può essere ma io preferisco pensare che siano i viveur della loro specie, quelli che tirano tardi con gli amici a vanno tutta la notte in cerca d'amore. Lo consumano all'alba e nasceranno tanti gabbiani.

Da piccoli non li ho mai visti. Fanno i nidi sui tetti più inaccessibili. Ma quando sono giovanotti alle prime prove di volo sì che li ho visti. Non hanno ancora il magnifico piumaggio bianco e grigio ma penne e piume screziate di bianco e di grigio. Se ne stanno timorosi del primo volo ma sono poco più grandi degli adulti. Insomma questione di un paio di giorni e la vita cambia. Ne ho trovato una di questi puntini sul sagrato di San Giovanni ai Fiorentini. Credo che fosse venuto giù da un qualche cornicione e se ne stava accoccolato con l'aria alquanto perplessa. Il giorno dopo non c'era più. Era sicuramente in volo.

 

angela ermes:)

 


accade a Roma


le fontane di Roma

virato seppia

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

quanto sei bella

la città futura

città del cinema

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco

il sindaco Marino

dove siamo?

c'era una volta

for de porta

antichi sapori


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema