quanto sei bella Roma

QUARTICCIOLO

 

Il Quarticciolo...che ricordi.

Sono arrivata a Roma con un contratto su chiamata da parte di una piccola industria telematica come disegnatrice e col pallino della comunicazione. Il televideo è nostro, nostra la prima installazione in Italia. Non so se l'azienda lo abbia venduto alla RAI ma ho messo le mani sui caratteri che si vedono ancora.

Le prime settimane a Roma ho abitato a Trastevere e a Monti, poi ho preso il residence a Valle Aurelia, poi ho incontrato l'amore.

La mattina prendevo il tram a Termini e andavo sulla Prenestina. Ho amato visceralmente i piloni blu della tangenziale e il Quarticciolo era un confine: la Prenestina si restringeva, cambiavo dal tram all'autobus, due fermate ancora e scendevo a Tor Tre Teste dove in un vicolo che sembrava ancora di campagna c'era il capannone della mia piccola azienda.

La Palmiro Togliatti era un confine: fra il Quarticciolo e Centocelle.

Correva l'anno 1982.

Rispetto al centro storico che conoscevo e dove vivevo in quei primi mesi, l'azienda, la Prenestina, il Quarticciolo, Centocelle erano certamente un altro mondo, erano certamente posti lontani ma non mi sono mai sentita spaesata. Il fatto di poter contare sui mezzi pubblici, io che venivo da una città di provincia disastrata da questo punto di vista, mi faceva sentire libera.

E lo penso ancora: una città che garantisce il trasporto rende liberi i propri cittadini.

Erano periferie ma periferie popolari e quindi servite.

Adesso, a 35 anni di distanza, forse il Quarticciolo non si può considerare periferia estrema, in molti sensi. Basta fare il paragone con la Borghesiana.

Si può considerare forse una periferia storica. Ed è per questo che mi dava la sensazione che lì battesse un po' der core de Roma.

All'epoca non avevo la macchina fotografica. La foto quindi non è mia ma rende abbastanza l'idea.

 

 

Dedicato a Massimo Giacomozzi che non si stupirà di tanto amore: chi ama Roma non si limita ad amare Fontana di Trevi, quello è facile, lo sanno fare anche i turisti.

Dedicato a Diana Correri e Massimo Terpolilli  che der core de Roma sono un pezzo grande e il Quarticciolo lo conoscono bene.

Dedicato a Guido Anglisani che mi volle in azienda e cambiò la mia vita decisamente in meglio. Dedicaco a Cecilia Rei Anglisani, adesso rapper all'epoca bimba con occhioni che si annunciavano curiosi.

Dedicato all'amore che ho incontrato in quei mesi e con cui è passato un pezzo importante della vita perchè l'amore può anche finire ma non si finisce mai di voler bene.

 

A tutti suggerisco passeggiata.

 

angela ermes cannizzaro :)

 

PS - questa è solo una delle 12 borgate ufficiali volute negli anni '30 dal fascismo. Forse varrebbe la pena di andarle a visitare tutte.


accade a Roma


le fontane di Roma

virato seppia

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

quanto sei bella

la città futura

città del cinema

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco

il sindaco Marino

dove siamo?

c'era una volta

for de porta

antichi sapori


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema