scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

19.11.2006 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                accade a Roma

Giocare nel tempo. Dalla collezione dei giocattoli antichi del Comune di Roma

 

E' il titolo della mostra fino al 7 gennaio al Complesso del Vittoriano, salone centrale Ala Brasini. Allestita da "Comunicare Organizzando" e promossa dal Comune (Assessorato all'Infanzia e alla Famiglia), l'esposizione ha aperto al pubblico in concomitanza con la Giornata Mondiale dei Diritti dell'Infanzia, fissata per domenica 19 novembre. )

"Giocare nel tempo. Dalla collezione dei giocattoli antichi del Comune di Roma": è il titolo della mostra dal 19 novembre al 7 gennaio al Complesso del Vittoriano, salone centrale Ala Brasini. Allestita da "Comunicare Organizzando" e promossa dal Comune (Assessorato all'Infanzia e alla Famiglia), l'esposizione apre al pubblico in concomitanza con la Giornata Mondiale dei Diritti dell'Infanzia, fissata per oggi, domenica 19.

La mostra è un modo per ribadire uno dei diritti inalienabili dei bambini: il gioco, appunto, con la sua funzione centrale nella crescita intellettiva e affettiva durante gli anni verdi. In esposizione, un'ampia panoramica di balocchi e di ninnoli dal fine Settecento agli anni '70 del Novecento. Un tuffo nel passato in 500 giocattoli, con molti pezzi unici: antiche creazioni artigianali, espressioni d'un'autentica arte popolare. E i primi, pionieristici 'modellini' di aerei e automobili, riflesso dei miti diffusi da cinema e cinegiornali.

Ripercorriamo sinteticamente le fasi storiche illustrate dalla mostra: l'epoca dei Lumi è quella in cui nasce la moderna pedagogia e, con essa, il giocattolo come strumento educativo. Un'idea che si sviluppa nel secolo successivo, l'era della prima rivoluzione industriale, in cui sempre più i balocchi divengono mezzi di scoperta e di rappresentazione del mondo adulto.

Si impone presto il giocattolo come riproduzione in piccolo, come tassello di un universo in miniatura: trenini, aerei, automobili in scala, case di bambole, automi e robot, giochi ottici, teatrini. E poi le costruzioni, 'edili' e meccaniche, a testimoniare il superamento del giocattolo statico, definito una volta per tutte, in favore di quello 'dinamico', fatto di pezzi da unire per attuare un progetto pensato o per dare liberamente corpo all'idea del momento. Senza perdere di vista l'attività ludica pura, perennemente incarnata nei grandi 'evergreen' come le biglie e le trottole.

Insomma, la mostra testimonia il progredire del gioco nel progredire delle tecniche a servizio della fantasia. Ed è dedicata ai fanciulli d'età e di spirito – perché, come scrisse Schiller, "l'uomo è pienamente tale solo quando gioca" –.

L'ingresso è libero.

L'orario: dal lunedì al giovedì: 9,30 – 19,30; venerdì e sabato: 9,30 – 23,30; domenica, 9,30 – 20,30.

Per informazioni, 06-3225380.


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio