scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

12.01.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                accade a Roma

OFFICINA EMILIANA
140.000 VISITATORI IN 100 GIORNI
LA MOSTRA PROSEGUE FINO AL 25 FEBBRAIO 2007



Ai Musei Capitolini di Roma, nelle sale di Palazzo Caffarelli,
37 dipinti della scuola emiliano-romagnola dal XV al XVIII secolo

Il grande successo riscosso dalla mostra “Officina emiliana. Correggio, Guercino, Lanfranco e altri artisti dalla Collezione della Banca Popolare dell’Emilia Romagna” ai Musei Capitolini di Roma ha sancito la proroga della sua apertura per un mese. Non resterà fino al 28 gennaio, quindi, ma si protrarrà fino al 25 febbraio 2007. 140.000 visitatori hanno già potuto visitare, dal 14 settembre 2006 ad oggi, l’esposizione promossa dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali Sovraintendenza ai Beni Culturali e dalla Banca Popolare dell’Emilia Romagna.

Nei circa 100 giorni di apertura, con una media di 1400 persone al giorno, il pubblico ha potuto godere dei 37 capolavori dei maestri della storia dell’arte e della scuola pittorica emiliano-romagnola dal XV al XVIII secolo, come Cristoforo da Lendinara, Innocenzo da Imola, il Correggio, il Bagnacavallo, Girolamo da Carpi, Bartolomeo Passerotti, Ludovico Carracci, Guido Reni, Alessandro Tiarini, Giovanni Lanfranco, il Guercino, Elisabetta Sirani, Giuseppe Maria Crespi, Giacomo Zoboli.

In mostra Susanna e i vecchi e l’Allegoria dell’abbondanza di Ludovico Carracci, l’Amore dormiente di Guido Reni, il Trionfo di David e La Crocifissione di Giovanni Lanfranco, Apollo e Marsia del Guercino e la Sacra Famiglia di Giuseppe Maria Crespi.

Per i moltissimi visitatori che hanno scelto di vistare “Officina emiliana” la mostra è stata anche un’occasione per rileggere in chiave “emiliana” le sale della Pinacoteca dei Musei Capitolini dove i dipinti dello stesso ambito culturale sono segnalati per mezzo di un’indicazione grafica ben riconoscibile. E fino al 25 febbraio, per tutta la durata di “Officina emiliana”, la Sala Santa Petronilla della Pinacoteca Capitolina ospita uno dei dipinti della Collezione della Banca Popolare dell’Emilia Romagna, La Crocifissione di Giovanni Lanfranco.

Un felice esempio di mecenatismo privato a sostegno dell’arte, della cultura e del territorio per questa mostra che negli ultimi mesi ha conquistato il folto pubblico dei Musei Capitolini. La collezione della Banca Popolare dell’Emilia Romagna è la dimostrazione di come si possa intendere ed interpretare il rapporto fra impresa privata ed interesse pubblico ai fini della salvaguardia e della promozione dell’arte e della cultura.

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio