scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

23.12.2003 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                accade a Roma

Pubblichiamo la notizia solo adesso perchè il 23 dicembre era in corso lo sciopero dei giornalisti con i quali, anche non essendo noi del web coinvolti nella questione, ci sentiamo comunque di solidarizzare.

E poi è stato Natale e poi Capodanno....

 

 

 

Intitolata Roma Termini a Giovanni Paolo II

 

"La cerimonia di dedicazione si è svolta nell'impianto romano alla presenza del Segretario di Stato Vaticano, Monsignore Tarciso Bertone, del cardinale Camillo Ruini presidente della Conferenza Episcopale Italiana, del numero uno di Ferrovie dello Stato Innocenzo Cipolletta e del sindaco di Roma Walter Veltroni.
Nell'occasione è stata anche scoperta una stele dedicata a Papa Wojtila, scomparso il 2 aprile 2005 dopo quasi 28 anni di pontificato. La stazione continuerà comunque a chiamarsi Roma Termini" (com.stampa Ferrovie)

 

Certo il dubbio era se da domani sugli orari dei treni dovessimo cercare un nuovo nome per la stazione Termini, se nella dostrazione docùvessimo accorgerci che nessun treno ferma più a Termini.

Ma evidentemente sarebbe stato troppo. Te lo immagini?

Già Galleria Colonna ...ecco, vedete? io la chiamo ancora così eppure sono andata all'apertura e alla nuova intitolazione, Galleria Alberto Sordi. Figuriamoci Termini!

Diciamo che Termini ha come un sottotitolo: Termini - Giovanni Paolo II. Quasi non cambia nulla, tanto che, infatti, a meno di lavori di restiling sul sito da farsi dopo le feste, su Trenitalia.it è tutto come sempre.

 

Di visibile ci sono due stele nella sala tra le biglietterie e i binari, sono belle, dai colori delicati ma non so quanti le abbiano notate o quanti le noteranno mai.

Personalmente la cosa, fatta così, in maniera soft, mi lascia indifferente.

Condivido in linea di massima quanto detto da Veltroni e cioè che è un giusto omaggio ad un pontefice che ha tanto viaggiato, anche a Roma fra le sue parrocchie (lo hanno chiamato il papa pellegrino); che gli ebrei che passeranno da qui ricorderanno che Giovanni Paolo II ha chiamato gli ebrei "fratelli maggiori" abbracciando il rabbino Toaff, e i musulmani si ricorderanno che è stato il primo papa della storia a visitare una moschea, quella di Damasco.

 

Invece intorno a questa vicenda si sono scatenate, ed era prevedibile, mille polemiche sulla laicità, sull'ammiccamento veltroniano alla curia di Roma...

 

Vorrei sapere cosa ne pensano redattori e lettori.

 

angela :)

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio