10/04/2005     chi siamoscrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara

 

 

 

 

 

 

                                                                                                             soggettive
Un ponte e i suoi Angeli nel cuore di Roma

Sono gli angeli più belli che io abbia mai visto, belli da perdere il fiato. Imponenti, fieri della loro eccelsa maestà e indiscutibilmente unici, si offrono agli occhi di chi li ammira orgogliosi di essere una delle
numerose meraviglie della Città Eterna. Sembra siano stati scolpiti dal buon Dio in persona, eppure questi gioielli di marmo bianco sono opera di comuni mortali, alcuni tra gli allievi del Bernini, si dice.

La loro bellezza è metafora della dimensione a cui appartengono, quella che va oltre le cose visibili, quella che appartiene all’ immaginario e di cui essi stessi sono il simbolo. Nell’ ammirarne la compostezza, la
luminosità volumetrica e l’ armonia delle forme puoi rimanere esterrefatto, quasi turbato.

Al tramonto, quando l’ ultimo barbaglio di luce prima della sera li tinge di rosso, l’ atmosfera diventa magica e ponte Sant’ Angelo si trasforma in un’ oasi d’amore dove non è difficile scorgere coppiette di turisti che si
scambiano teneri baci mentre la luna si specchia vanitosa sul Tevere.


Stefano Molini

 

soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita