03/06/2005     chi siamo scrivici

            amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                   accade a Roma

Le case dei principi: capolavori da scoprire

 

Tre case per tre mostre per tre giorni. Sembra una magia, una formula da antico alchimista. E in effetti trattatasi di "cosa eccezionale et meravigliosa assai".

 

La famiglia Colonna apre il suo palazzo a piazza Santi Apostoli dal 3 al 5 giugno e offre al pubblico, gratuitamente, la raccolta delle 43 tele del Vanvitelli, quel Gaspar van Wittell che raccontò Roma (la sua "soggettiva") con "obiettività e stupore".

La stessa cosa succede a palazzo Doria Pamphilij a piazza del Collegio Romano dal 10 al 12 giugno; esposta nel salone verde una "Annunciazione" di fra Filippo Lippi.

 

E ancora a palazzo Pallavicini, in via XXIV maggio, dal 24 al 26 giugno, la "Derelitta" di Botticelli.

 

Sono tutte opere sulla cui bellezza non c'è bisogno di spendere parole, di proprietà delle famiglie dei principi.

Siamo entrati a palazzo Pallavicini per la conferenza stampa e abbiamo provato cose che proveranno tutti, credo: non è come entrare in un museo ma non è nemmeno come entrare da popolani nella casa del principe buono che per un giorno, solo per un giorno, concede la bellezza da lui posseduta.

Sono cambiati i tempi, dalla cultura in fondo pauperistica del cattolicesimo e del comunismo, adesso, forse con maggiore equilibrio, riconosciamo a queste famiglie non solo il merito di aver conservato queste opere che sono patrimonio di tutta l'umanità, ma anche il merito di avere da sempre cercato il bello, in linea con quello che è forse il segno distintivo dell'essere Italia e italiani.

 

E' lo stesso senso del bello che permette alle donne italiane di vestire bene anche senza grandi mezzi, semplicemente per il senso del colore e della forma.

Non li invidiamo più questi principi, entriamo nelle loro case con rispetto ma senza che sia reverenziale; sicuramente apprezzando la generosità di rendere disponibili le loro cose, i loro spazi.

Aspettiamo di vedere per raccontarne meraviglia.

...tre case per tre mostre per tre giorni...

 

angela cannizzaro :)

 

soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita