03/10/2005      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           for de porta

Un gemellaggio tutto particolare
La mia città di elezione, Cerveteri, come quasi tutte in Italia, è gemellata. Con tre città europee, per essere precisi.

Ma domenica 2 ottobre ho assistito alla cerimonia di un altro gemellaggio, tutto particolare: il rione cervetrano “Garbatella” si è unito in fraterno abbraccio con l’omonimo quartiere romano. In un atmosfera festosa, nonostante l’incombente cielo plumbeo culminato in vari acquazzoni proprio nei momenti più eclatanti, sindaco ed assessore alla cultura da una parte e delegata alla cultura dell’XI municipio dall’altra, accompagnati dai rispettivi promotori del gemellaggio, si sono scambiati saluti, complimenti e doni, con tanto di targa in marmo e Banda Municipale sullo sfondo, simpatici giocolieri sui trampoli, letture di poesie, canzoni e quant’altro. Testimonial, garbatellese doc, l’attrice Rossana Di Lorenzo, sorella di Maurizio Arena, la simpatica “Erminia” moglie di Alberto Sordi ne “Il Comune senso del pudore”.
L’origine dell’omonimia è quanto mai semplice e “paesana”, quasi banale, direi: sembra che Vittorio Ricci, appartenente ad una delle famiglie “storiche” di Cerveteri, aggirandosi per quelle strade, forse era un momento di particolare via vai di carretti e di gente - siamo all’incirca negli anni quaranta - abbia osservato: “Madonna, pare de stà a la Garbatella!” Una frase buttata lì, senza alcuna pretesa storico-toponomastica, ma che è bastata a dare il nome, da allora, a quell’angolino di Cerveteri adiacente il Parco della Legnara, che ufficialmente dovrebbe chiamarsi “Via Dante Alighieri”.
Promotrici del gemellaggio: per Roma Giovanna Mirella Arcidiacono, per Cerveteri una mia carissima amica, Gea Copponi, vera e propria memoria storica del territorio nonostante la giovane età, il mio inesauribile “serbatoio di storia, notizie, e curiosità su Cerveteri”.
Gea, ormai divenuta cervetrana a pieno titolo, è una profonda e appassionata conoscitrice del suo paese di elezione; è nata infatti nelle Marche, a Monte S. Martino, ma dall’età di sei anni vive nella nostra città. Questa sua grande passione è nata quasi per caso, originata dal dono da parte di un amico di famiglia - era ancora bambina - di un libro che conteneva una raccolta di fotografie e descrizioni di alcuni dei personaggi del territorio. Da allora ha iniziato a fare fotografie, interrogare vecchietti, ricercare tra antichi documenti (tra l’altro è bibliotecaria presso il Comune). Armata di un quaderno per appunti, Gea bussa alle porte e da il via alla sue domande “indagatrici”. Quasi sempre riesce ad aprire un piccolo varco nel cuore del suo interlocutore, che improvvisamente tira fuori una foto, una lettera, o si lascia andare a ricordi, testimonianze, brevi racconti: è quella che lei definisce “infra-storia”.
Aspettiamo tutti, a breve, la sua prima opera: “Donne del territorio di Cerveteri”, cui dovrebbe far seguito una collana di libri, ciascuno dei quali orientato alla descrizione di un particolare aspetto del territorio, dall’età etrusca fino all’inizio degli anni ‘60, quando si è stabilità qui con la sua famiglia.
“Vedi” - mi spiega - “quì vivono circa 30.000 persone, e molte di esse

non sanno nemmeno cosa c’è dietro il nome della nostra città.

Ciò che io intendo raccontare non vuole essere esaustivo, bensì una traccia da seguire per chi vorrà andare a scoprire un paese che ci appartiene, nomi ormai dimenticati, fuori uso, che di tanto in tanto come fantasmi compaiono nei racconti di qualcuno. Nomi di fantasia, ma anche specchi di quotidianità vissuta da chi prima di noi ha animato questo territorio. Certo, per parecchi miei concittadini ciò che mi accingo a raccontare è risaputo, magari diranno “io questo lo sapevo già!”. Ben contenta, spero che non lo dimentichino e lo raccontino a chi verrà dopo di loro.”
Claudio Pirolli
le foto: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7
 

 

soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita