18/05/2005    chi siamoscrivici

            amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zčtema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                   accade a Roma

Giorno del gioco al Bioparco: una giornata indimenticabile.

La mia amica mi aveva fatto una promessa: "un giorno stringerai la mano a Veltroni" - mi disse, e io aggiunsi "allora dato che ci sei
fammi fare anche una foto con lui".
Ebbene non ci crederete ma quel giorno e' arrivato.
Stamattina mia moglie si e' svegliata e mi ha detto "prendo un giorno di ferie perchč anche io voglio stringere la mano al sindaco"

E cosė ci siamo recati insieme al Bioparco dove era stata organizzata una bella festa nel cuore di villa Borghese.

"IL GIORNO DEL GIOCO" 18 maggio 2005
Raccontare le emozioni e il nostro stato d'animo non e' facile,
Dapprima Angela ci ha presentato Gaia, una ragazza che lavora a Bioparco, una persona squisita e dolce con cui abbiamo parlato anche del rinnovamento dello zoo ( mi scappa sempre di chiamarlo cosi)
e delle iniziative che stanno portando avanti con grande sacrificio e grosse spese, per portare il giardino ad essere competitivo con altre cittā europee.

All'arrivo del sindaco un boato da stadio, la banda che suonava, bambini che in coro gridavano il nome di Walter, insomma una emozione grandissima, credo che ci siano delle persone che emanano un fluido
positivo e intellettuale, la cui intelligenza e disponibilitā si tagliano col coltello. Ebbene il nostro sindaco e' una di queste, lo senti sulla pelle e nelle ossa, il suo sorriso sincero e' tutta la sua vita, e' veramente amato da tutti soprattutto i bambini e gli anziani che sono nel suo cuore.

Nel momento in cui e' stato messo in collegamento visivo con i bambini del centro oncologico del S. Camillo tramite computer e ho sentito i dialoghi tra i bambini e il sindaco non nascondo che una lacrima mi e' scesa sulla guancia, emozionante davvero.

Con lui e molta gente al seguito ci siamo recati nel tendone dove avevano organizzato un ristorantino niente male, un gruppo di bambini vestiti da cuochi ci hanno servito ai tavoli ed era una cosa da cartoni animati,
ci siamo trovati di fronte un gran ben di dio, bruschette, patate fritte, mozzarella in carrozza, insalata di riso e per chiudere....fragole con la panna, mi hanno detto tutto cucinato da loro stessi e il nostro sindaco dispensava saluti e sorrisi per tutti, una giornata incredibile.

Dopo che la mia amica aveva fatto di tutto per farmi incontrare
il grande Walter, io con il libro in mano scritto da Veltroni che cercavo di farmi fare un autografo e mia moglie che cercava di immortalare quel momento, insomma delle foto scattate da lei non si vedeva la mia stretta di mano con il sindaco.
Sono caduto in crisi depressiva, ma ecco che la mia amica corre in mio aiuto e mi riporta vicino al nostro eroe e finalmente con un sorriso fattomi da lui che mi resterā dentro tutta la vita ho il mio ricordo per sempre, una foto con Walter Veltroni.

grazie, dal profondo del cuore.
ciao ciao

ubaldo detto duccio

 

soggettive


accade a Roma


 la cittā futura


c'era una volta


cittā del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita