02/08/2005     chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                        la città futura

Ex mercati generali: la città dei giovani

Ti ricordi?...

Sì ma per favore senza nostalgia.

Va bene, giusto. Ti ricordi quando capitava di fare tanto tardi la sera che era diventato troppo presto per trovare già un bar aperto? E allora si veniva ai Mercati Generali a prendere il caffè con il cornetto caldo. Bello. Ma non era stato tanto il bar a stupirmi quando la banca aperta, lo sportello della BNL all'ingresso, aperto solo di notte.

Poi i Mercati sono andati via. Racconta il fotografo che il giorno che sono entrati a fare il primo sopralluogo, gli è sembrato un dopo-bomba: non c'era nulla di distrutto, semplicemente la gente era andata via ed era tutto vuoto e silenzio. Era abbandono ma non nel senso del degrado. Abbandono, come se di colpo fossero spariti tutti mentre un attimo prima erano tutti lì. Inquietante.

Adesso invece tutta l'area è in attesa del grande cambiamento. Ci sono segni vecchi e segni nuovi che raccontano di quello che sarà.

 

Sarà che intanto cominciano i sondaggi archeologici, i primi ad essere effettuati in questo pezzo di Roma. Sondaggi, quindi, molto importanti. E a seconda di quanto riveleranno i sondaggi, andrà avanti la stesura del progetto che prevede che qui, "in un luogo che è stato di fatica e sacrifico" dice il sindaco, nasca un luogo dedicato alla cultura, al divertimento e ai servizi per il quartiere, con un progetto nuovo, fortemente innovativo, giovane ma che tiene conto del passato.

E' una operazione sostenuta da un forte investimento privato, 230 milioni di Euro che il gruppo di imprenditori spende in cambio di concessione per 60 anni (e naturalmente si augurano di ammortizzare l'investimento molto prima). Si tratta di edificare a fini sociali e culturali; è prevista, per esempio, una grande libreria di 4000 metri quadri dove i ragazzi (e non solo) possano avere il piacere di passare ore ed ore guardando gli ultimi libri, gli ultimi DVD, gli ultimi dischi...ore ed ore, come le nostre da ragazzi...

E ci saranno aree dedicate al cinema e al teatro, aree di servizio al quartiere con l'asilo nido e il centro anziani; le Terme Moderne con piscine, saune...

Sarà un pezzo di bella e buona architettura contemporanea che veicolerà altri interventi nei dintorni: previsti infatti il ponte che ricongiunga Ostiense alla Colombo, adesso separata dalla ferrovia; e previsto il ponte sul Tevere che unisca Ostiense a Marconi all'altezza di lungotevere Pietra di Papa.

Il progetto per i nuovi Mercati Generali è uno dei tasselli della grande trasformazione di Roma a cui stiamo assistendo, dove dopo 40 anni torna la grande architettura che oltre a qualificare lo spazio della città diventa perfino occasione di turismo. Un esempio per tutti: il parroco di Tor Tre Teste parla di 30mila visitatori alla chiesa di Richard Meyer. Per non parlare di Renzo Piano, Massimiliano Fuxas, Paolo Portoghesi...

Qui ai Nuovi Mercati Generali, i turisti verranno fra tre anni, questa la data prevista per la fine dei lavori, a visitare il centro progettato da Rem Koolhaas in un'area della città che già ospita il Teatro India, il Mattatoio come sede universitaria e del MACRO, la Città del Gusto, Roma 3, il Nuovo Palladium e che ospiterà il Campidoglio 2.

Manca il fiato.

 

Facciamo un giro per uno sguardo: non è ancora un cantiere. E ci sono edifici che hanno sicuramente un certo valore architettonico; sono quelli che verranno recuperati, come il mercato ittico e la "piazza" con la cisterna dell'acqua, in fondo. Sarà recuperata, con 10 milioni di Euro di investimento del Comune, anche la "stecca" al confine con via  Negri che diventerà la sede del Municipio 11.

Per il momento mi godo il silenzio e la fortuna di poter gironzolare in questo posto, da sola, con quel filo di ... avventura. Entro perfino in un vecchio capannone. Se mi scoprono... forse non si può...ma nessuno mi ferma...vai! Che bellissima luce...

Photogallery: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11

angela cannizzaro :)

 

soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita