01/03/2005    chi siamo  -   scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


La Scatola Chiara

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                       soggettive

Fontana di Trevi
Luoghi così per chi vive a Roma finiscono per diventare familiari..
Si passa e si ripassa davanti, ci si permette perfino il lusso di sbuffare per l’impossibilità di godere la fontana senza la perenne folla di turisti.
Ma in realtà sappiamo bene che l’immagine di Fontana di Trevi è tutt’uno con la folla, con i turisti, con le monetine lanciate perché si avveri il sogno di poter tornare a Roma.
Cosa che ho fatto anche io. E non mi è stato dato soltanto di tornare e tornare ancora; Roma, bontà sua, è diventata la mia città

E dire che non era Roma la città che sognavo. Ma questa è un’altra storia.


Credo che tutti ricordino la monetina lanciata a fontana di Trevi, perché per tutti è la prima volta a Roma.
La mia monetina erano 100 lire, era il pomeriggio del 1 agosto 1972, compivo quel giorno sedici anni. Mi accompagnava in giro per Roma, una bionda cuginetta coetanea. Entrambe non eravamo particolarmente conformiste ma credo che lei avesse quell’aria di sufficienza verso la mia monetina più che altro perché non voleva confondersi con questa folla di poveri speranzosi turisti creduloni. Lei era “romana de Roma”, anche se solo per nascita e non per origini. Io non è che volessi fare come tutti ma il gesto era in fondo innocuo e non avrebbe messo in crisi nessuna particolare sicurezza materialista; e poi devo essermi detta “hai visto mai che fosse vero”. Pluff…ding…100 lire. Scusate…na’ piotta.

Quando sono diventata cittadina di Roma, bontà sua, a fontana di Trevi ci sono andata con i romani il 25 settembre di tutti gli anni a fare gli auguri di compleanno al presidente Pertini, sotto le finestre della casa che non aveva lasciato neanche quando avrebbe potuto vivere al Quirinale.

Ci passo e ci ripasso. Quella mattina che levarono i ponteggi e la fontana ci venne restituita dopo il restauro e la pulitura, mi sembrò troppo bianca, insolitamente “nuova”, Cominciava, finalmente, l’epoca dei restauri ed era lo stesso effetto che mi facevano un po’ tutti gli edifici appena restaurati. Incredibile a dirsi ma eravamo abituati alla manutenzione carente tanto da preferire “la patina del tempo” ai benefici effetti della tutela.
 

La fine delle monetine? Non se le dividono, come si credeva, gli addetti alla pulizia e quanto a rubarle...bha... Vengono raccolte e date alla Caritas.

ac

 

soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita