14/06/2005     chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


ZŔtema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                             soggettive

Francesco De Gregori torna a piazza di Siena il 4 settembre

Quella sera del 1974 a piazza di Siena non c'ero.

Lo avevano organizzato sempre loro due, "come Garinei e Giovannini", Walter Veltroni e Gianni Borgna:  un concerto dove suonavano (incredibile!) Francesco De Gregori, Antonello Venditti, Lucio Dalla e Giorgio Gaslini.

Ma a sentir parlare dell'album della pecora, di Rimmel... Ŕ come se fossi tornata all'ultimo anno di liceo, con tutti i miei compagni di scuola e di politica e di serate di musica.

 

E poi piazza di Siena...un paio di anni dopo mi sono ritrovata seduta su prato, vittima come sempre delle zanzare, alla prima edizione del Festival dei poeti organizzato dal Beat '72; le stesse persone che quell'estate frequentavo...bhe, pi¨ che altro vedevo perchŔ ero intimidita, al bar di S. Callisto.

De Gregori... Rimmel Ŕ stato il primo LP della mia vita. Me lo aveva regalato Enzo, di cui ero, ovviamente, perdutamente innamorata. Non avevo ancora lo stereo ma avevo Rimmel. E ce l'ho ancora perchŔ, anche senza essere, ovviamente, pi¨ innamorata di Enzo che, in compenso, Ŕ uno degli amici pi¨ cari, non mi sono mai liberata dei miei "vinile".

Diceva bene Francesco De Gregori: "e qualcosa rimane". Magari all'epoca era un soffio di poesia, la stessa che ci incantava cantando "Alice guarda i gatti"; invece Ŕ rimasto veramente. "Alice guarda i gatti", dice Francesco, suscit˛ molti malumori per il suo ermetismo. Chi Ŕ questa Alice, perchŔ guarda i gatti... Era una provocazione,  "non dico che eravamo ancora ad Armando Trovajoli ma poco ci mancava", dice Francesco. Per me era cantare il mio disagio e la voglia di andare via dalle trappole soffocanti, dal dover essere una brava ragazza, dal conformismo che pesava come una spada di Damocle. Cantavo "Alice" e nessuno poteva farmi smettere perchŔ era una bella canzone, c'era poesia e davanti alla poesia si resta impotenti.

Grazie Francesco. Sar˛ a piazza di Siena.

Domenica 4 settembre - tre ore di concerto...chissÓ quante canzoni!

ac :)

 

soggettive


accade a Roma


 la cittÓ futura


c'era una volta


cittÓ del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita