01/08/2005     chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          for de porta

“…a cavallo di una tomba…”


Quando il grande Samuel Beckett ha messo in bocca ad uno dei personaggi di “Aspettando Godot” questa frase, non immaginava certo quanto essa sarebbe stata eccezionalmente intonata al contesto nel quale, a oltre cinquanta anni dalla sua prima rappresentazione a Parigi, è stato presentato a Cerveteri uno dei più grandi capolavori del Teatro dell’assurdo.
Ho sentito letteralmente formarsi sugli avambracci la caratteristica “pelle d’oca”, e credo sia accaduto a tanti altri spettatori, che come me si sono guardati intorno scrutando nel buio i severi profili delle tombe etrusche che ci circondavano, scavate nella roccia.
Sì, perché, nell’ambito dell’Estate Cerite 2005, la Fondazione Archeologica che insieme al Comune di Cerveteri organizza una serie di avvenimenti culturali per celebrare degnamente il recente riconoscimento di “Patrimonio mondiale dell’umanità” conferito dall’Unesco, ha scelto di rappresentare questo ostico ma avvincente lavoro di Beckett nell’affascinate cornice della Necropoli Etrusca della Banditaccia, da venerdì 29 a domenica 31.
Avevo già visto in teatro, nel 2002, “Aspettando Godot”, anche allora come ora superbamente interpretato dalla “Compagnia Teatrale Castel del Sasso”, sotto la magistrale regìa di quel grande professionista del teatro che è Franco Alpestre, ma debbo dire, e non è stata solo la mia opinione, che forse proprio per la suggestione creata dal sacro magico luogo che ci ospitava, le sensazioni sono state fortissime, le singole sensibilità degli ottimi interpreti – tutti, senza eccezione – si sono riversate in noi, pubblico assorto e muto, come un vero fluido, quasi palpabile. Alle battute finali di
Vladimiro “Bene, andiamo..?” ed Estragone “Sì, andiamo”, che però restano fermi, fin quando il buio scenico li assorbe e li nasconde, esattamente così come era successo alla fine del primo atto, sono seguiti almeno venti lunghi secondi di assoluto silenzio, poi l’applauso è esploso, fragoroso, interminabile, liberatorio.
È vero, neanche questa volta Godot si era fatto vedere, ma eravamo certi che l’indomani, o magari il giorno dopo, o il giorno dopo ancora, in quel luogo che non era un luogo, in un tempo senza tempo, dove solo un albero scheletrito vive, finalmente sarebbe arrivato. E avrebbe risolto tutti i loro e nostri problemi.
Clapiro
 

 

soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita