27/07/2005    chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


ZŔtema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                   accade a Roma

Jiang Guo Fang:

il pittore della cittÓ proibita

 

Sulle prime non capisco: un pittore cinese che racconta della vita nella cittÓ proibita ispirandosi alle tecniche pittoriche del seicento europeo...

Penso ad un pittore cinese che nel secolo scorso venuto chissÓ come a contatto con la pittura occidentale, decide di usare oli al posto della china e degli inchiostri.  Invece Ŕ un pittore contemporaneo...

 

E in effetti, subito, stupisce tanto potente figurativo senza alcuna concessione all'arte moderna in un artista che ha poco pi¨ di 50 anni.

Sono ritratti in una composizione seicentesca, sono donne, tante donne: principesse, concubine, solenni o sorprese nel sonno. Sono bellissime ma i bambini sono straordinari, piccoli imperatori sorpresi nei gesti di tutti i bambini: dormono, si stropicciano gli occhi, tendono le mani alle lanterne della fine dell'anno, si arrampicano su alte solenni poltrone e ci guardano, come se li avessimo sorpresi (Figlio del Paradiso).

Sono gesti solenni e gesti quotidiani; sono ragazze che "guardano in macchina" ma anche "foto rubate".

 

Sembra una pittura fotografica ma...Fang ha poco pi¨ di 50 anni, non pu˛ aver visto tutto questo se non con gli occhi della evidente profonda conoscenza di una tradizione. E a pensarci bene... conoscenza?

Fino a 20 anni fa su tutto quello che riguardava la cittÓ proibita e la Cina imperiale era calato il silenzio. E quindi l'opera di Fang viene evidentemente da una tradizione antica ma inconsapevole. E da una ricerca coraggiosa in una tecnica pittorica del tutto estranea alla tradizione.

 

Palazzo Venezia - fino al 2 ottobre - ingresso libero

photogallery: 1 - 2 - 3 - 4 - 5

 

ps - e dove poteva essere una mostra che parla della CittÓ Proibita di Pechino? Nel Palazzo che porta il nome della cittÓ del mondo occidentale che ha aperto la conoscenza della Cina.

                                                                                                                angela :)

 

soggettive


accade a Roma


la cittÓ futura


c'era una volta


cittÓ del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita