03/08/2005     chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zčtema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                            soggettive

La cittā volante a Villa Pamphilj

Sembra che l'intenzione di questa manifestazione ma anche il segno di tutta l'state romana, fosse l'idea della leggerezza, del sogno, della poesia; proprio perchč ai tempi durissimi che stiamo vivendo, alla paura che qualcuno semina, si possa rispondere con piccoli momenti di gioia lieve e serena.

 

La cittā volante, a giudicare dalla prima di tre serate, č proprio questo: leggerezza, sogno e poesia.

Sono tornata a Vedere Carillon ed ero sicura che mi sarebbe piaciuto moltissimo avendone visto una parte (ma ho scoperto che in realtā alla Notte Bianca eravamo riusciti a vederlo quasi tutto).

Ma non c'era solo Carillon, cos' come non ci sarā solo uno spettacolo le prossime due serate

Tutto č cominciato con una performance multimediale ispirata ai racconti di Sherazade. Il prato era coperto di fiaccole; giā l'accensione era stata in qualche modo spettacolo, una alla volta, in ordine sparso, cercandole. Poi sulle parole di Sherazade un gruppo di creature con ali da angeli postindustriali, in ordine sparso, danzando, cercandole, una ad una hanno spento tutte le fiaccole. E bel buio e nel fumo profumato, una luce laser ha cominciato a danzare a tempo di musica; la luce sul fumo č diventata velo, onda, movimento avvolgente. eravamo dentro la luce come se fossimo per magia potuti entrare in uno degli effetti di 2001 quando si precipita nel buco nero.

L'annunciata intervista al volo č stata un'altra sorpresa: non solo sulle nostre teste č passato un salotto volante, no solo l'intervista si č svolta con i due protagonisti sospesi da terra. Ma mentre l'intervistato non sorprendeva facesse una cosa cosė bizzarra dato che si tratta dell'uomo che sorvolato la cima dell'Everest in deltaplano, l'intervistatore era Giuseppe Mannino, poeta e pittore, sė, ma soprattutto il nostro solido e autorevole presidente del Consiglio Comunale.

 

E poi finalmente Carillon, la storia della nascita dell'uomo, della scoperta del fuoco e della guerra, la punizione di Dio e la pace fatta.

Tanti angeli in volo ma, sorpresa nello stupore, i cinque performer che hanno volato per ultimi sospesi a fili sottili, sono... tutte ragazze.

Chissā cosa ci aspetta le prossime serate...

www.kitonb.com

ac :)

 

soggettive


accade a Roma


la cittā futura


c'era una volta


cittā del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita