30/08/2005   chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                     Roma città del cinema

Massenzio torna a Massenzio

Era il 25 agosto 1977. Quella sera alla Basilica di Massenzio si ospitava per la prima volta una rassegna di cinema all'aperto; era dedicata al cinema epico.

Si può dire che quella sera nasceva l'Estate Romana. Fino ad allora a Roma nelle sere d'estate non era successo nulla, la gente non usciva, il clima era teso, erano gli anni di piombo. Massenzio, oltre a segnare una svolta nel modo di fruire la città e i luoghi storici, e la cultura, servì anche a distendere il clima, a rompere il cerchio della tensione.

Ventotto anni sono tanti ma fa comunque senso parlarne con il tono della "storia".

Negli anni successivi Massenzio si è spostata. Prima nella altrettanto storica sede del Circo Massimo e poi di quartiere in quartiere, dal Parco del Celio che con l'occasione fu bonificato, all'Eur, perfino a via del Corso.

Massenzio in 28 anni è diventato un nome nell'immaginario collettivo che non identifica più la basilica ma il cinema d'estate, specie per i giovani che alla Basilica magari non sono mai entrati se non negli ultimi anni per il Festival delle Letterature.

Il mio Massenzio? La prima volta fu nell'84 al Circo Massimo, per la maratona Guerre Stellari: arrivammo tutto il gruppo degli amici attrezzati di plaid, panini, maglioncini: fu una notte indimenticabile.

Un altro Massenzio importante fu nel '95 al Parco del Celio: lavoravo alla libreria di Urbano ed è lì che ho conosciuto Rosi, detta il Lupo, la mia "socia in affari", ispiratrice del gatto sulla testata di questo nostro giornale (forse perchè nella sua casa a Londra ultimamente combatte con un topo); l'allestimento era bellissimo, c'era un drugstore Conad, il primo di Roma che si rivelò utilissimo per chi come noi lavorava fino a notte fonda. Bellissimo e molto cinematografico anche il tram sui binari: in realtà l'area veniva chiusa al percorso del n°3 e quello era l'ultimo tram che avrebbe ricominciato la sua corsa al mattino presto.

Ma perchè Massenzio era andato via da Massenzio? Nel 1980 c'era stato un terremoto e la Basilica aveva bisogno di lavori; ma soprattutto, poichè all'epoca Massenzio era l'unica rassegna all'aperto dell'Estate romana, l'area non riusciva a contenere il pubblico. Adesso di rassegne ce ne sono moltissime. Ma Massenzio è Massenzio. Emoziona quindi questo ritorno.

 

Per saperne di più...

www.massenzio.it/frameset_storia.html

il programma

 

 

soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita