01/10/2005       chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                             soggettive

Il due ottobre, festa dei nonni

“Se non ci fossero bisognerebbe inventarli”. E’ una battuta da spot pubblicitario, ma è cosi. Mi riferisco ai nonni. Sono nonno di tre nipotini Andrea, Luca e Federico di nove, cinque anni e mezzo e l’ultimo nato da poche ore. Quante volte ho detto agli amici, “ quando sarai nonno mi farai sapere le tue sensazioni “. Sono uguali per tutti, una tenerezza incomprensibile in altre età, non paragonabile a nulla, all’amore in gioventù o alla pienezza dei rapporti personali nell’età di mezzo della vita.
Oggi se ne parla tanto sulla stampa, in televisione e nei discorsi di ogni giorno, cosi’ che lo Stato ha creato per decreto la festa dei nonni il 2 ottobre.
E’ bello che vi sia un riconoscimento formale ed ufficiale, ma il bello di essere nonni è quello che si riceve quando un bimbetto, che si chiama magari con il tuo stesso cognome, si affida a te, in cui ripone ogni fiducia ed amore, ti chiama “ nonnetto mio” ( come fa uno dei miei ) e ti si butta al collo per abbracciarti. Questo è il miglior ringraziamento che la vita possa darti e solo l’età matura te lo può offrire.
Ormai i nonni sono ancora giovani o giovanili; io, guardando i film di quando mio figlio, piccolo come i miei nipoti, vedo la differenza generazionale nei confronti di mio padre e mio suocero che, alla stessa età che ora ho io, sembravano molto più anziani di quello che posso sembrare io adesso, eppure ho sessantanove anni come loro all’epoca dei filmati. Sono cambiati i tempi e lo stile, il modo di vestire e di gestire la propria vita, ma, da nonni, con la stessa sensazione di essere utili ( vai in piscina, al basket, li accompagni o li vai a riprendere a scuola ) e la coscienza di rappresentare una risorsa sociale per la famiglia , anche in termini economici.
Ho avuto conferma e riscontro da articoli si stampa di quanto grande è l’aiuto economico che i nonni riversano in tal senso sulla famiglia rapportato al proprio reddito a livello nazionale.
Stanotte mio nipote Luca, che ha cinque anni e mezzo, ha voluto dormire a casa dei nonni : io, che ho riposato con lui nella stessa stanza, non ho chiuso occhio, sempre pronto a capire se tutto procedeva bene nel suo sonno. Smaniava, si girava nel letto ed ogni tanto diceva, nel sonno, frasi che lasciavano capire che stava facendo un brutto sogno, ed io stavo in apprensione senza dormire.
Stamattina, ci siamo accorti che aveva la febbre. Eppure, quando mio figlio, ora quarantenne, era piccolo non riuscivo a star sveglio per assisterlo se non stava bene e toccava sempre a mia moglie.
Questo è esser nonni, padri al quadrato, per la disponibilità, forse, che abbiamo poiché stiamo in pensione, ma , sicuramente , per l’affetto ricambiato al quadrato che ci danno loro, i nostri cari nipotini.
Questa è la cosa più bella che possano ricevere i nonni e poi anche essere ricordati il 2 ottobre da tutto il paese. Il grazie più bello è quello che ci viene dalle labbra dei nipoti con la spontaneità della loro età. Viva i nonni ed evviva il 2 ottobre.
nonno massimo giacomozzi

 

soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita