12/07/2005     chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


ZŔtema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                   accade a Roma

Pier Paolo Pasolini: 30 anni dopo

Trenta anni? E' sconcertato uno dei commessi del Campidoglio, quello anziano, coi bellissimi baffoni bianchi. Trent'anni...Ma sei sicura?

Trent'anni...Aspettando la conferenza stampa di presentazione delle iniziative del Comune, anche a me trenta anni erano sembrati tanti. Trent'anni fa, il 2 novembre, mi ero appena diplomata e in quei giorni avevo appena cominciato a frequentare l'universitÓ e il suo collettivo politico. Facevo politica giÓ dagli ultimi ani del liceo e non potevo non conoscere Pasolini. Ma trenta anni fa se avessi dovuto dire qualcosa, avrei detto "Bhe, Pasolini, un genio, un artista impegnato", senza essere capace di approfondire molto. Per me Pasolini era difficile da restituire anche se non potevo che sentirne la grandezza, la profonditÓ.

Mentre prendevo questi appunti una ragazza dell'Ansa, che certo trenta anni fa non c'era, mi chiede se il sindaco potrebbe avere qualcosa di personale da raccontare su Pasolini, se lo ha conosciuto...Immagino di sý ma non lo so...

Lo conosceva ma non racconta nulla, sobria come sempre. Ha piacere di raccontare invece Goffredo Bettini, attuale presidente dell'Auditorium.

Goffredo, Gianni (Borgna) e Walter quell'anno erano "ragazzi della FGCI". Pasolini lo conoscevano e Pasolini guardava al loro impegno con interesse. Una sera erano andati a trovarlo e lui aveva detto che stava per finire le riprese di "Sal˛ o le 120 giornate di Sodoma"; e disse anche che a loro avrebbe dedicato una scena. Poi il 2 novembre venne assassinato, il film uscý postumo. La scena? Goffredo crede che sia quella del ragazzo che rompe la catena delle dilazioni, fa l'amore con una ragazza nera e si fa uccidere alzando il pugno chiuso.

Forse Pasolini, che si era scagliato contro i giovani del '68 chiamandoli borghesi per schierarsi con i poliziotti che considerava "figli del popolo", in questi ragazzi della FGCI, in questi giovani del Partito Comunista Italiano, lo stesso partito che lo aveva espulso a Casarza per omosessualitÓ, in questi vedeva una speranza. E la storia deve avergli dato ragione se questi tre oggi sono rispettivamente Goffredo Bettini il presidente dell'Auditorium, Gianni Borgna l'assessore alla Cultura e Walter Veltroni il sindaco di Roma. E chissÓ cosa faranno ancora.

Pasolini. 30 anni dopo Roma gli dedica una catena di eventi che si svolgeranno tra ottobre e novembre

Pasolini 30 anni dopo: il programma delle iniziative

Pasolini: rivelazione di Pelosi  - da laRepubblica

Pasolini: un ricordo di Dacia Maraini

www.pasolini.net

www.pasolinicasarsa.org

angela cannizzaro

 

 

soggettive


accade a Roma


la cittÓ futura


c'era una volta


cittÓ del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita