21/09/2005      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                     antichi sapori di Roma

 

Polpette al sugo e zucchine ripiene


Ingredienti per sei persone,

se siete meno pensate ad un’alternativa meno impegnativa!!!!
 

 

 

700 gr macinato (preferibilmente di vitella)
50gr pecorino romano grattugiato
2 patate medie (scegliete la qualità per fare gli gnocchi)

1 uovo intero

1 spicchio di aglio per il sugo e mezzo spicchio per l’impasto
2 barattoli di pomodoro pelato
sale
pepe
basilico


In una ciotola mettete il macinato, aggiungete un uovo e mescolate senza vergogna con le mani.
Aggiungete il sale, una spolverata di pepe, mezzo spicchio di aglio tritato ed il pecorino grattugiato, sempre continuando a lavorare il composto.
A parte lessate le patate ed una volta cotte e passate nell’apposito schiaccia patate unitele al resto.
Tenete presente che una parte del macinato servirà per fare le polpette (di formato medio - piccolo perché sono molto più gustose), l’altra parte invece servirà per riempire le zucchine che certamente prima avrete provveduto a svuotare.
Preparate un sughetto semplice facendo rosolare nell’olio 1 spicchio di aglio (che una volta dorato rimuoverete) , 4/5 foglie di basilico fresco spezzate a metà (in modo che diffondano il loro buon profumo), quindi aggiungete il pomodoro e lasciate cuocere qualche minuto - mescolando con un cucchiaio di legno - prima di aggiungere le zucchine e le polpette.
Usate l’accortezza di calare nel sugo prima le zucchine e solo dopo una decina di minuti le polpette, perché la cottura delle zucchine richiede maggiore tempo.
Lasciate cuocere a fuoco lento con coperchio per circa 30 minuti.
Di tanto in tanto aggiungete – se necessario- qualche mestolo di acqua calda in modo tale che la carne sia completamente immersa nel sugo e possa cuocere rimanendo morbida.
Qualche minuto prima del termine della cottura ricordatevi di togliere il coperchio in modo che l’acqua aggiunta nel corso della preparazione possa ritirarsi completamente.
Altro prezioso ammonimento è non scordare tanto pane (preferibilmente cotto a legna) da mettere in tavola, perché in questi casi non fare la “scarpetta” si dice a Roma “ è mancanza d’ignoranza”!

Ancora una volta buon appetito!
Nonna Giulia

 

soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita