29/08/2005   chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zčtema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          for de porta

La villa alle Nereidi

L'abbiamo giā detto: i romani for de porta hanno cominciato ad andarci molto presto, praticamente subito per via delle ragazze della Sabina..

Tra una "gita" e l'altra, capitava che i luoghi visitati gli piacessero tanto da decidere che tutta la penisola dovesse diventare "Roma". Che dico? Tutto il mondo, almeno quello fin dove sono riusciti ad arrivare.

E fermandosi, certo non potevano continuare a vivere nelle tende militari. E cosė si sono costruiti le comoditā a cui erano, giustamente, abituati: le ville, le terme, i teatri...

Una di queste ville č stata scoperta a Casignana, praticamente sulla spiaggia tra Bianco e Bovalino sulla costa ionica della Calabria: si stava scavando un tracciato per posare una conduttura, un metro dopo l'altro, dopo una 40ina di metri, l'operaio alla scavatrice si accorge che non sta tirando su soltanto terriccio ma mattoni. E tra gli ambienti dello scavo si vede netto il solco.

E' una villa come la intendevano i romani: non solo le camere ma le terme, i ninfei e una serie infinita di stanze che chiamano sommariamente "ambienti di servizio".

Lo scavo č aperto, sono ancora in corso i lavori; visitarlo č divertente, un po' come essere Indiana Jones. Per il momento č possibile visitare solo l'area delle Terme e del giardino. Le Terme hanno il classico impianto: frigidarium,  tepidarium e calidarium; Ci sono mosaici bellissimi tra cui la sala delle Nereidi, ma la cosa per me stupefacente č il sistema di riscaldamento delle sale: tanti tubi in terracotta che facevano arrivare il vapore proveniente dalla caldaie. Non che pensassi che i romani fossero tecnologicamente primitivi, ma i tubi in terracotta non li avevo mai considerati.

La parte residenziale vera e propria si trova al di lā della statale che copre una parte della villa (si č parlato di una deviazione per portare alla luce tutti gli ambienti). Dal video (bellissimo) si vedono sale con mosaici ancora pių belli, due in particolare: le quattro stagioni e una sala con il ritratto di una donna (la moglie? la figlia? in ogni caso, quanto amore!). La villa doveva avere un ingresso monumentale sul mare e, guardandolo, viene in mente che mentre tutto cambia, il mare č lo stesso che ha guardato il console romano proprietario di questa villa "for de porta" appena un po' pių del solito.

Per la cronaca: la villa sembrerebbe in mezzo al deserto, cosa che aumenta il suo fascino, ma si trova accanto all'agriturismo Nereide, dell'azienda biologica Ceratti. I conoscitori di vino facciano anche un salto sulla sedia: sono proprio loro, gli unici produttori del vino Greco e Mantonico di Bianco.

 

 

soggettive


accade a Roma


la cittā futura


c'era una volta


cittā del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita