scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

24.10.2008 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          soggettive

“Otto”: registi vari

Mai assistere ad una proiezione partendo prevenuti. È una regola cui ho deciso di attenermi scrupolosamente d’ora in poi, forte dell’esperienza di oggi, prima giornata del festival di Roma. Niente di peggio che farsi una idea preconcetta basandosi sulle sinossi dei film riportate nel programma della manifestazione, affrettatamente predisposte dai redattori del catalogo, il più delle volte desunte alla meglio dagli scarni comunicati stampa delle produzioni.
Mi spiego: nel prepararmi una scaletta dei film da visionare in questi nove giorni di proiezione, combinando e incastrando per il meglio date, orari e quant’altro, giunto al film, o meglio al collage di corti realizzati da otto registi – e che registi! Cito la Campion, Wenders, Sissako, Bernal, tanto per fare qualche nome – dal titolo, appunto, “otto”, nel mio promemoria avevo testualmente annotato: “23 ottobre ore 11 sala Petrassi, film “8”(nemmeno se mi pagano!)”.
In effetti il preambolo al film parlava di punti di vista di ogni singolo regista in merito ai famosi Otto Obiettivi di Sviluppo del Millennio che l’ONU nel settembre 2000 si era impegnata a realizzare entro il 2015 (Eliminare povertà e fame, assicurare la sostenibilità ambientale, migliorare la salute materna e dell’infanzia e così via). Ciò, accompagnato da pressoché stenografiche annotazioni su ogni singolo tema trattato dagli illustri registi, mi aveva fatto pensare ad una serie di spot altamente educativi, sociali e morali, tipo quelli che appaiono ogni tanto in TV a cura della Presidenza del Consiglio o simili, niente altro.
Mi sono assolutamente ricreduto. Ho visto una serie di corti, pochi minuti ciascuno, ma, con l’eccezione di un paio che forse richiamano proprio gli spot che ho portati ad esempio, tutti di grande valore artistico e spettacolare: Non sto ad elencarli tutti, ma non posso non evidenziare la poesia del “sogno di Tiya” di Sassako (girato ad Addis Abeba), la drammatica e commovente “storia di Panshin Beka”, giovane mamma che soccombe ad un parto troppo difficile, proposta sotto forma di ballata tribale dell’Amazzonia Peruviana, “The water diary”,la spettacolare narrazione da parte della grande Campion delle conseguenze (e delle fantasiose reazioni della gente) della peggiore siccità della storia australiana, un vero, completo, coinvolgente film della durata di una manciata di minuti!
Lo sappiamo bene, la platea del festival di Roma, in specie quella formata ahimè dagli addetti ai lavori è assai avara di applausi, ma nel caso di “8”, c’è stata l’eccezione: sottolineati da battimani di varia intensità i singoli episodi, un prolungato applauso finale al termine del film.
Claudio

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio