scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

domenica 08 agosto 2010

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           soggettive

Ancora una vecchia intervista da www.intervisteromane.net

 

Claudio Amendola nel 2003 così raccontava della sua Roma

 

In quale zona di Roma hai passato l’infanzia, Claudio?
Ho passato l’infanzia a Monte Mario e i ricordi sono eccezionali. Sono i ricordi più belli che ho perché i ricordi da ragazzo sono quelli che ti rimangono più dentro. Ricordi dei quali si ha nostalgia…


Come ricordi la Roma di allora?
Ma, guarda, era la Roma che si preparava ad essere quella che è oggi, una città cosmopolita, una città degna delle grandi capitali europee. Era una Roma che si preparava a cambiare. Sai, Gianfranco, Roma ha questo di bello, secondo me, che nonostante sia la città importante che è, è una città che rimane molto provinciale, dove si sente molto il quartiere, la zona. E’0 una città molto divisa, in questo senso, o meglio più che divisa direi paesana, Si! Ogni quartiere è un piccolo paese.


Hai un buon rapporto con la tua città?
Migliora sempre di più. Io sono innamorato della mia città e personalmente ci sto bene, anche se Roma è diventata una città difficile da viverci, perché essendo così grande e così piena di gente, soffre delle caratteristiche delle metropoli, cioè il traffico, l’inquinamento e la frenesia della vita moderna. Questo è il prezzo che si deve pagare per vivere in una città così bella. Comunque mi manca tanto quando per lavoro sono via.


Come vedi i romani attraverso i loro pregi e difetti?
Io credo che il peggior difetto che hanno i romani è quello di aver poco rispetto per la propria città, però è una tendenza che sta cambiando e di questo me ne sto rendendo conto. Stiamo un po’ imparando a rispettarla e ad amarla anche se credo che questa sia la nota meno positiva. Noi viviamo in una città che è patrimonio mondiale e allora dobbiamo assolutamente imparare ad apprezzarla e rispettarla di più e ad essere un po’ più educati con la nostra città. Poi per quanto riguardano le caratteristiche dei romani sono quelle che forse io più incarno. Insomma c’è una grande solarità, una certa spregiudicatezza e una specie di benevola arroganza che si contraddistingue e che molto spesso viene appunto scambiato per arroganza vera e propria ma che posso garantire non lo è. E’ il nostro carattere, il nostro modo di fare. Ancora campiamo sul “Roma, caput mundi”.


Ami mangiare?
Con il mangiare ho un rapporto di amore e odio. D’amore perché ne faccio un buon uso e d’odio perché è una cucina molto pesante, grassa e non aiuta chi fa il mio mestiere nello stare in forma.


Visto che Francesca ( Neri, n.d.r. ), la tua compagna, è trentina, quando vai dalle sue parti mangi trentino?
Come no, la cucina trentina la conosco molto bene e mi piace molto e Francesca, la sua mamma e il suo papà mi hanno educato molto in fatto gastronomico. Ogni volta che veniamo su per me è un bel momento. Tra l’altro prima di stare con Francesca, venivo spesso in Trentino, in montagna a Fai della Raganella, a sciare e devo dire che ho trovato gente meravigliosa e soprattutto un clima molto intimo e riservato.


C’è una zona di Roma a cui sei particolarmente legato?
Sicuramente il posto dove sono nato, perché sono molto legato alle radici. Però devo dire che la Roma del centro storico, la Roma imperiale è un regalo che ci possiamo fare tutti i giorni passeggiando in quei posti. E’ una grande fortuna e forse non sappiamo apprezzarla come merita.


Vivi la Roma by night?
Non la vivo proprio più. L’ ho vissuta molto da giovane e devo dire che è la parte meno bella. La notte in giro per Roma c’è tanta brutta gente.


Ma Roma, secondo te, è o era la città più bella del mondo?
Lo era, lo è e sempre lo sarà!


Claudio, qual è stata la tua più gran soddisfazione artistica?
Non ce n’è una in particolare. Ci sono alcuni film a cui sono molto legato e ci sono delle giornate in cui torni a casa e sai di aver fatto bene e quindi sei soddisfatto e questo lo vedi dagli occhi della troupe, della gente che lavora con noi. Io penso che la troupe sia il miglior banco di prova, perché è gente che ha lavorato con tutti e quindi è abituata a tutto, perciò quando la troupe ti segue mentre stai recitando una scena e non si distrae, è segno che hai fatto qualcosa di importante e soprattutto bene.


Hai avuto qualche delusione?
Si! Chi è che non ne ha mai avute? Ci sono dei film che ho fatto e che rivedendoli non mi sono piaciuti, li ho accettati e non so nemmeno perché. Succede così quando si lavora senza entusiasmo, senza la voglia di fare una cosa che ti piace e va a finire che non ci metti anima e corpo. Tutto qui!


Ma i tuoi genitori che futuro sognavano per te?
Non lo so! Non gliel’ ho mai chiesto, anche perché troppo presto mi è capitata l’opportunità di fare questo mestiere e quindi non abbiamo avuto il tempo di parlare del mio futuro. Mi hanno incoraggiato, comunque e consigliato molto. Non mi hanno in nessun modo sconsigliato di fare questo lavoro.


Da ragazzo avevi degli idoli?
Non ho mai avuto idoli o almeno nessuno in modo particolare e nemmeno nel mondo del cinema. C’erano i Pink Floyd, i Led Zeppelin… ma era un fatto musicale.


Credi in Dio?
Non sono credente!


Con il successo sono cambiate le tue amicizie?
No! Anzi, si sono rinforzate quelle vere.


Hai un sogno nel cassetto?
Artistico, no! Sono molto soddisfatto di quello che ho fatto e spero di poter crescere sempre di più e di poter scegliere le cose che mi piacciono. Umanitario ce n’è uno…è forse un sogno un po’ troppo presuntuoso. Mi piacerebbe, attraverso il mio lavoro, trasmettere delle emozioni. In una puntata televisiva di “ Amore mio, diciamo così” io e Francesca abbiamo detto delle cose molto belle sui bambini. Quelle sono le emozioni che vorrei trasmettere.


A chi vorresti dire “grazie”?
Vorrei dire grazie, e non manco di farlo ogni volta ogni volta che ne ho la possibilità, alle persone che in tutti questi anni hanno lavorato con me e dalle quali artisticamente ho rubato un po’ di esperienza. Un grazie a tutte le persone che mi hanno aiutato a crescere sia artisticamente che nella vita di tutti i giorni.

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

fuori porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zetema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema