scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

venerdì 17 dicembre 2010

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

 

Case sul Tevere presso Monte Savello

                                 (guarda l'acquerello)
Incredibile risvolto tiberino di un Monte Savello consacrato un secolo dopo allo scorrimento veloce. Non si sa se c’è da recriminare o da ammirare di fronte a questa composita varietà di strutture e di scenario. Ma la visione si accosta di molto a certe impressioni che Carlo Del Balzo, scrittore e romanziere, ricavò nel corso di una “passeggiata in barchetta da Ripetta a Ripa grande” e consegnò poi ad un suo volume, Roma, apparso a Milano nel 1882.
“La realtà è triste”, scriveva in una di quelle pagine. E il brano è tutto degno di venire trascritto. “Roma sul Tevere è pittoresca, è fantastica, ma è cenciosa e sporca: case alte, annerite, senza nessuna linea, nessun ornato, nessuna grazia, costruite a picco sul fiume, luridi e giganteschi casolari qua e là puntellati, rappezzati, con scalette e ringhiere di legno tarlato, giganteschi casolari condannati fra tanta luce e tanta aria ad essere privi di luce e di aria per certe finestrucce microscopiche che sembrano i buchi di un’uccelliera, incapaci di dare aria e luce alle case ma capacissime di portarci dentro le esalazioni pestilenziali delle cloache che sboccano a fiume proprio lì sotto di esse; quelle case alte e informi sono la figura più precisa della miseria superba, sono colossi cenciosi.”
Ma già un anno prima, dopo una mostra di acquerelli tiberini di Roesler Franz, L. Bellinzoni aveva tenuto a dichiarare: “tutto l’interesse che s’attaccava alle fabbricazioni svolgentesi sulle rive del nostro Tevere, o è già sparito o andrà cancellandosi per inevitabile destino. Di qui a dieci anni nessuno, romano o no, saprà ricordarsi della forma che avevano i limiti del Tevere, tanto accidentali e tanto sublimi nella loro bruttezza”.

                               

da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

fuori porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zetema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema