scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 30 aprile 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

 

Ai Prati di Castello. Idillio boschereccio

                                                    guarda l'acquarello

L'acquarello precedente č il primo di una serie particolare, tutta ripresa "dai Prati" spostando sempre pių l'inquadratura a valle in maniera da completare l'intera sponda sinistra visibile da quell'osservatorio. Qui, ad esempio, diamo pressappoco nel medesimo punto dell'altra veduta. Sono passati tre anni. Il formato da orizzontale s'č fato verticale per dar modo agli alberi di figurare maggiormente incoronando a dovere questo commovente idillio boschereccio. Quasi un tenero definitivo addio ai morituri Prati di Castello. Anzi mettendo maggiormente a fuoco il carattere della localitā e togliendo al Porto di Ripetta, sia pure intravisto tra gli alberi, la parte di lontano protagonista.

 

Un acquerello ancora una volta rappresentativo della "Roma sparita". Autentica "memoria di un'era che passa". E la visione fa acuire maggiormente il rimpianto di non aver saputo attrezzare altro che, per l'edilizia indiscriminata, una naturale distesa di verde, ombreggiata da alberi e affacciata a colloquio diretto col fiume. Cosė l'idillio dei pastorelli sembra perfino concordare con certe pianistiche esecuzioni, tipo "Le Petit Montagnard" allora tanto di moda nei salotti delle case borghesi.

 

In quelle annotazioni a stampa (2a Serie, numero 7) la didascalia dice soltanto "Ai Prati di Castello. S. Carlo al fondo". Ma la veduta riprende ancora una volta le costruzioni affacciate all'interno sui Via Leccosa. Il solito cordone di case che scomparirā che scomparirā anch'esso per far posto ai lungotevere riducendo quella strada ad un anonimo moncone. E Leccosa, secondo alcuni, voleva dire "limacciosa", dallo stato in cui la strada si riduceva sovente a causa delle periodiche inondazioni del troppo vicino fiume
 

da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema