scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 06 agosto 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

 

Via dell'arco dell'Annunziata

                                   guarda l'acquarello

 

Parallela alla Via di S, Bonosa (a sinistra guardando il fiume), questa dell'Arco dell'Annunziata partiva dalla Lungaretta per battere contro la Via del Muro Nuovo, dal nome di un antico argine innalzato a difesa delle acque tiberine, traguardava, come l'altra, la cupola di San Carlo ai Catinari. Ma la sua apertura, a sezione quadrata e dalle strutture lignee, bene visibili nell’acquarello, si avvertiva appena sul fronte compatto e continuo di case su questo lato della Lungaretta. Forse si trattava soltanto di un accesso alla casa degli Anguillara, visibile sulla destra, ma un tempo venne pure chiamato Arco dei Vetri, da una vicina fabbrica.


Uno dei tanti "archi" comunque, che, quasi asole dell’antico tessuto urbano, si identificavano in particolari rovine esistenti, o erano sorti per necessità di comunicazione, nello spontaneo raccordarsi di costruzioni di varie epoche, per offrire un passaggio, appunto, ma anche per fare da sostegno, per servire da contrafforte. Circa cento ne elenca ed illustra Umberto Gnoli nella sua "Topografia e toponomastica di Roma medioevale e moderna", e tutti conferivano una inconfondibile caratteristica a certe strade, a certe piazze. E ognuno di essi scopriva pure un fondale sempre diverso.


Senz’altro una immagine sacra avrà dato nome alla strada. E la si ritrova infatti nell’accurato catalogo compilato a metà secolo scorso dal cav. Alessandro Rufini. "Sul muro che resta prossimo al n. 2l", egli scrive, "evvi una cornice di stucco con controcornice di legno dorato munita di cristallo, la quale racchiude un dipinto in tela piuttosto antico rappresentante l’annunziazione di Maria. Un ripiano adattato sotto il quadro serve per mettere fiori ed altro, e dirimpetto la lampada che nelle ore della notte arde a cura delle persone domiciliate nella suddetta casa, le quali ai 15 di agosto di ogni anno vi rinnovano la festa".


Le immagini di Maria Santissima, "collocate sulle mura esterne di taluni edifici dell’Alma Città di Roma raggiungevano un totale di 1421. E riuscivano perfino a placare l’inconciliabile rivalità fra Monti e Trastevere, a esempio, poiché i due rioni, sempre secondi la contabilità del Rufini, potevano vantarne 175 esatte per ciascuno.

 

da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema