scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

venerdì 19 agosto 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

Fortezza degli Anguillara

                                                    guarda l'acquarello


All’inizio dell’Ottocento la famiglia Forti acquistò le case in parte diroccate, il "palazzaccio", secondo la definizione di un erudito cronista, che era stato degli Anguillara, potenti signori di Trastevere. Complesso un tempo autosufficiente che, sempre secondo quel cronista, comprendeva 24 abitazioni, tre granari, macello, stalla, grotta e cantina. Il superstite palazzetto e la torre di difesa, unica sopravvissuta tra le tante che. svettavano anche in questo Rione, verranno restaurati un secolo più tardi fino alla degradazione, al totale annullamento delle antiche forme, per ospitare poi la cosiddetta "Casa di Dante"..


Allora anche i Forti avevano proceduto ad un generale quanto rispettoso restauro, e, quasi a riconsacrazione dell’antico complesso, si erano dedicati all’allestimento di un Presepio proprio sull’alto della Torre. Celebrata attrazione del Natale romano in quegli anni. E all’ingresso una iscrizione sanzionava la singolare impresa, narrando al tempo stesso la storia della "fortezza". Questa torre, diceva, "propugnacolo a guerrieri, carcere a captivi, vedeala il passeggero ed arretrava. Ma voi, ospiti di ogni piaggia, entrate lieti. Ella è cuna di nascente Dio pacifico redentore".


La benemerita Associazione fra i Cultori di Architettura aveva sconsigliato il rifacimento. In quel periodo di straordinario sommovimento urbanistico sarà invece ancora la volta, la centesima, la millesima volta, delle grandi occasioni perdute. Proseguendo nel suo compito, ma giovandosi, sembra, anche di fotografie preesistenti, Roesler Franz è riuscito a fissare in un acquarello anche questo "quadro" destinato a sparire. L’evanescente torre, dominante sullo sfondo, al di la e al di sopra delle robuste mura a tufelli e dell’arco di accesso. C’ò aria di festa intorno all’edicola mariana, ma alla fine ne beneficerà sicuramente quel VINO (E CUCINA, c’é da immaginare) che fa capolino sul margine estremo, a destra della scena. E forse potrebbe pure trattarsi della immagine cosi descritta dal Rufini nella sua raccolta del 1853. "Sul muro ritrovasi un baldacchino di legno che ricopre la cornice di stucco entro cui si ammira
l’immagine della Madonna santissima addolorata dipinta a fresco nel secolo passato. Una lampada è appesa innanzi la descritta effigie", concludeva, "che nelle ore della notte arde a cura di divote persone". Quasi a mitigate la corrusca risonanza che avevano ancora i nomi di
alcuni componenti della turbolenta, temuta famiglia, che si vuole di origini normanne, come gli Allberteschi, loro vicini anche nella attuale toponomastica dei lungotevere. E nomi che corrispondevano a Everso, Orso, Deifobo, Petrasso, Pandolfo, Titta.

 

da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema