scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 27 agosto 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

 

Avanzi della casa degli Anguillara sul Tevere

                                                   guarda l'acquarello

 

L’orgoglio degli Anguillara, case casato torri e leggenda, fronteggia la mole assolvente e conciliante di S. Crisogono, con il suo campanile a cuspide e le bifore accoppiate dell’ultimo ripiano bene in vista. E chiesa e fortezza vorrebbero rispecchiarsi insieme nelle acque torbide
del fiume, tenute a bada dalle alte ripe, rinforzate da antiche mura, da sopravvissute sostruzioni, sulle quali il verde attecchisce felicemente. Un impasto ghiotto per l’artista. Forse quelle parziali difese si dimostrarono inefficienti contro l’ardore travolgente delle piene, ma quanto più godibili apparivano dei futuri muraglioni, che proprio in questo riquadro si leveranno gelidi, quasi all’aggancio con Ponte Garibaldi.
 

La veduta è in piena luce. Lo dicono pure le brevi ombre dei passoni piantati verso la riva. Un grosso barcone risale la corrente recando a rimorchio un’altra imbarcazione. Un marinaio si affanna sulla rudimentale barra del timone. E il sentimento di Roesler Franz proprio su quel barcone ha voluto lasciare la propria firma. Sul fiume tanto amato, eppure affossato tra due sponde fitte di case, in un meandro di vie, vicoli, strettoie e piazzette. Proprio in uno
di quei meandri, verso Piazza Mastai, poi spazzato via dalla costruzione di Viale del Re, ora di Trastevere, venne a nascere il 26 agosto 1880, alle cinque antimeridiane, Guglielmo Alberto Dulcigni, che sarebbe stato universalmente conosciuto come Guillaume Apollinaire. E sarà subito affidato alle cure di "una donna domiciliata al numero 8 del Vicolo cieco" presso quella piazza. Il poeta francese terrà poi sempre a rammentare quelle sue origini romane-trasteverine.

 

da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema