scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 08 ottobre 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

 

Ingresso della casa dei Castellani

                                                    guarda l'acquarello

 

Da quindici anni Roma è ormai italiana, ma non sembra, almeno da queste immagini, che certi ritmi, certo costume di vita abbiano subito la benchè minima flessione. Quei ragazzi che giocano sdraiati sulla soglia. Il cesto e il mastello abbandonati. E le donne, quelle donne,che "reggono" non soltanto pittoricamente la scena. Poi come se non bastassero le figure chesi agitano nell’interno, una frasca indica chiaramente la destinazione dell’edificio. Molto bene specificata dalla tavoletta rossa, con scritte bianche, appesa dalla parte opposta del classico portale. VINO DEI CASTELLI ROMANI 4 Ia foglietta.


Eppure era stata quella la Casa, il palazzo dei Castellani, venuti in Italia, a Roma, al seguito di Lodovico il Bavaro. "L’entrata principale della forte e decorosa abitazione dei Castellani, in Via della Lungaretta al civico n. 5", commentava dal vero Baracconi, "distinguesi ancora per una cornice di marmo, spoglia forse d’un monumento antico, intagliata riccamente. Sui
piedistalli vi stanno scolpite due coppie di scudi, e due parti di una iscrizione, datata nell’anno di Cristo nostro Salvatore 1495. Da questa famiglia" proseguiva il Baracconi, "una della più potenti di Trastevere, già prima del secolo XV, un tratto della Lungaretta s’intitolò "Vico
Castellano". Tuttavia, oltre la cornice della porta d’entrata e qualche tratto fuggitivo del prospetto, la dimora dei Castellani offre alcun che del passato decoro: armi scolpite nell’andito, e, al sommo della tipica scala a giorno, una gran porta incorniciata di marmo, collo stemma e il nome di Lorenzo Castellani. Pero la prosapia è estinta, e il nome ne accedette per
eredità a quello chiarissimo dei Brancaleone".


Nella sconvolta topografia della zona, a ricordo di quella famiglia e delle sue case rimane oggi una Piazza Castelllani, sulla quale si affaccia l’ospedale pediatrico della "Scarpetta", ricco a sua volta di tanti ricordi. Mentre su una parete della piazza stessa sono stati pietosamente
riapposti gli scudi di cui Baracconi parla. Del resto visibili anche nell’acquarello.

da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema