scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 22 ottobre 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

Via del Campanile in Borgo

guarda l'acquarello

 

Ancora il Passetto di Borgo, sul fondo, con la copertura spiovente poggiata sui merli e più tardi eliminata. E sempre la prospettiva che dissolve verso Prati di Castello. Siamo in Via del Campanile, che allora andava da Borgo Angelo (dietro la chiesa) a Borgo Nuovo (davanti
la chiesa), proseguiva fino a Borgo Vecchio con il Vicolo Dritto, poi scomparso, e terminava con il Vicolo dell’Ospedale fino a S. Spirito. Il campanile é quello della chiesa di S. Maria in Traspontina. Per i romani, soltanto "la Traspontina". Ed ha un Oratorio, detto della Dottrina Cristiana, visibile nell’acquarello a destra, in primo piano.
 

Oltre alle fotografie di rito, Roesler Franz ha eseguito anche un disegno a matita, accuratamente quadrettato, segnando le varie tonalità di colore, e altre piccole accortezze da tenere presenti ("cielo e traverso le campane")sistemando i banchi di vendita, che poi nel dipinto figureranno in maniera diversa, trascrivendo perfino la scritta incisa sulla porta dell’Oratorio. "Non cesses filii audire doctrinam". Ma i banchi saranno deserti, anche perché l’artista ha voluto scegliere una giornata piovosa, uggiosa. Un pioggia che darà modo alla figurina femminile con l’ombrello rosso di compiere un gesto vezzoso. Voltarsi per guardare una gamba che forse e stata esposta agli "schizzi".


Siamo nel Borgo popolaresco, ai margini dell’anticamera del Vaticano, accennata proprio in quel tempo da Matillde Serao nel romanzo La conquista di Roma. "ln Borgo la quiete profonda clericale cominciava, con palazzi bigiognoli, silenziosi, con le botteghe di oggetti sacri, statuette, immagini, oleografie, rosari, crocifissi, sui cui era pomposamente messa la leggenda: Oggetti d' arte".


da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema