scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 05 novembre 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

 

Via dei Penitenzieri

guarda l'acquarello

 

A sinistra il fianco di S. Spirito in Sassia con il bellissimo campanile traforato di bifore e la Porta S. Spirito in tondo alla strada. Ma la scena è effettivamente divisa in due parti distinte dalla colonnina in travertino, sormontata da un gruppo di tre stemmi. Quello di Sisto V, quello di S. Spirito (doppia croce ed aquila) ed un altro abraso. Da questo termine ha infatti inizio, a destra, la Salita di Villa Cecchini. Come si legge pure sulla targa dipinta nella casa di
fronte. Un vero passaggio obbligato, dove le contadine sistemavano le loro ceste, i loro banchi, con la frutta, le verdure appena colte.


La Salita prendeva nome dalla villa seicentesca di un cardinale, ed era "senza uscita", nonostante il miraggio di quei pini sulle propaggini del Gianicolo. Panni stesi, ombrelloni, passanti, carri e somari. Al solito, l’armamentario di una Roma non entrata ancora nelle vesti, nelle funzioni, nello spirito di una città Capitale. Della Roma del passato, della Roma barocca, testimoniava invece quell’angolare di palazzo, sull’estrema destra, sul quale figuravano un cartiglio di stucco, in alto, con un secondo emblema di S. Spirito, ed una fontanella, in basso, segnato dai simboli araldici di Casa Borghese. Ed e curioso notare che proprio da questo angolare partirà Stefano Donadoni (che a suo modo proseguirà l’opera di Roesler Franz), per inquadrare l’Osteria delle Grotte, in Borgo S. Spirito, in un acquarello del 1911 anch’esso conservato con altri nel Museo di Roma.


Scomparve in seguito la salita di Villa Cecchini, e tutto venne totalmente cambiato nella trasformazione in feudo vaticano delI’intera zona (in particolare, Propaganda Fide e Curia Generalizia dei Gesuiti). E stavolta non per norme di Piano Regolatore, ma per l’art. 14 delTrattato fra la Santa Sede e l’Italia, del 1929.


"Per integrare la proprietà degli immobili siti nel lato nord del Colle Gianicolense appartenenti alla Sacra Congregazione di Propaganda Fide e ad altri Istituti ecclesiastici e prospicienti verso i palazzi vaticani, lo Stato italiano si impegna a trasferire alla Santa Sede od agli enti che saranno da Essa indicati gli immobili di proprietà dello Stato o di terzi esistenti in detta zona".


Tuttavia la Salita di Villa Cecchini é rimasta pure collegata al Risorgimento romano. Ad un fatto d’arme, ad uno scontro, purtroppo dimenticato, che va invece incluso nei moti insurrezionali del !867. L’attentato alla Caserma Serristori, pure in Borgo, Ia Villa Gloria dei fratelli Cairoli, l'episodio di Giuditta Tavani Arquati. Ma penseranno le "società operaie liberamente istituite dopo che Roma fu redenta ed unita all'Italia" a designare alla storia i nomi di quei caduti, come si esprime Vittorio Emanuele Bianchi in quella sua preziosa e garbata raccoltina di "Epigrafi sulle case e sui monumenti di Roma dal 1870 in poi". E ci trasmette ovviamente anche il testo di quel marmo celebrativo.

 

"Ai figli del popolo / Pietro Massini, Eugenio Ermellini, Lorenzo Marinangeli, Giuseppe Ferrari, Vincenzoi Barzetti, Gregorioo Zampilloni / qui crudelmente assaliti e uccisi /  il 25 ottobre 1867 / dai mercenari della teocratica tirannia. / La Società Centrale Operaia Romana / pose questa pietra / a memoria dei tempi / a pietà delle vittime / ad esecrazione degli uccisori / 4 febbraio 1877".

 

Ma la lapide scomparve forse non soltanto a seguito delle tormentate vicende urbanistiche del Rione. Come del resto dopo la costruzione di Via della Conciliazione non si fece più vedere la luce alla targa di bronzo, già apposta su una delle palazzine del Poletti in Piazza Pia e relativa la plebiscito della Città Leonina del 2 ottobre 1870: "Voto favorevoli 1566, contrari nessuno".

 




da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema