scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 19 novembre 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

Porta Angelica

                                    guarda l'acquarello

 

Il grande albero divide in due la scena. A sinistra i barbitonsori che esercitano all'aperto la loro professione. Il cosiddetto "barbiere della meluccia". Più a sinistra una capanna inalbera ancora la bandiera rossa sinonimo di "frasca", di vino nuovo. Su quel panno scarlatto si legge "Vino di Marino 7-8". Cioè 7 o 8 centesimi al litro. A destra invece c'è chi se la fuma sotto quell'albero, c'è il solito somaro con le ceste sul basto, passanti indolenti e banchi di vendita con tendoni alla beduina per proteggersi dal sole. E la Porta Angelica in quel momento varcata da un gruppo di suore.

 

E' in bugnato di travertino e si scorgono ancora, all'interno, le massicce imposte di legno. Bene in mostra ai lati i due bassorilievi con gli Angeli che avrebbero dato il nome alla Porta., Ma il modiglione in chiave dell'arco porta lo stemma di Pio IV, il milanese Giovanni Angelo Medici, da cui altra derivazione, secondo alcuni, della denominazione della Porta. Di angeli si parla comunque nell'iscrizione incisa sulla fascia di travertino e riportata dal Vangelo di San Matteo (IV,6). "Angelis mandavit de te ut custodiant te omnibus viis tuis" (A riguardo tuo Dio commise agli Angeli di custodirti in ogni circostanza della vita).

 

Quella che gli Angeli non riusciranno invece a custodire sarà proprio la loro Porta. L'annuncio lo da ancora una volta il povero Maes in un "Cracas" del maggio 1888. "La Porta Angelica (che si poteva a guisa di tutte le porte della vecchia cinta di Firenze lasciare a ricordo isolata e intatta) è stata demolita. Sarà conservata (ma per conseguenza fuori posto) la lapide, lo stemma e le figure degli Angeli. Si medita poi di ricostruirla."

 

Non sarà mai più ricostruita. Si troverà più comodo e sbrigativo incastrare quei frammenti (stemma, epigrafe e Angeli) nelle Mura Vaticane che si affacciano sulla dispersiva Piazza del Risorgimento.


da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema