scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

domenica 27 novembre 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

Borgo Angelico

                                    guarda l'acquarello

Otto anni dopo il precedente acquarello il pittore romano ritornò a Porta Angelica, che ormai aveva le ore contate. La ritrasse dall’interno stavolta, sposandola in maniera eccellente all’ambiente circostante, dopo aver ripreso la scena anche in fotografia. E proprio dal confronto con quelle fotografie salta fuori che Roesler Franz ha fatto scomparire degli alberi sulla destra, ad esempio, ed uno di quei palazzoni umbertini che svettava stup1do e guastafeste, al di sopra della porta. Per meglio raggiungere i suoi scopi artistici, ed anche per tener fede al carattere di "Roma sparita" dei suoi acquarelli.


Su questa schietta visione di paese domina, senza infastidirsi, il Belvedere dei palazzi pontifici. Il Nicchione e nettamente visibile. Disadorno invece il prospetto interno della Porta. Lo stemma pontificio sulla chiave dell’arco e una fontanina a muro sulla destra. Ci sono dei passanti ad animare la veduta, e un cavallo solitario, un carro chiuso di ambulanti. Ma ci sono soprattutto le capre, provvidenziali distributrici di latte a domicilio. Erano di casa a Roma, come attestano pure dipinti, disegni, e brani letterari.


La chiesa di S. Maria delle Grazie, di cui si vede il campaniletto a vela e la targa del vicolo al quale aveva dato nome, rappresentava un vero santuario della pietà popolare, raccolto intorno alla immagine della Madonna che un eremita aveva portato da Gerusalemme nel 1587, tale Albenzio De Rossi. Le "grazie" ricevute si tramutavano in altrettanti

ex-voto che tappezzavano le pareti del tempio. E fra quegli ex-voto, P.G.R., c’era pure una tavoletta dal soggetto abbastanza scabroso, che aveva dato motivo a G.G. Belli di scrivere uno dei sonetti pin efficaci e rappresentativi del suo "poema",. La vergna l’ha chi la vo’, del 17 gennaio 1833. La chiesa riuscì ad evitare di tramutarsi in una visione da Roma "sparita" fine Ottocento, ma non poté scampare purtroppo alla totale demolizione, durante la "sistemazione» dei Borghi. Nel 1939. Ma proprio allora si dimostrerà quanto autorità ecclesiastiche e fedeli tenessero a
questa loro chiesa. E al tempo stesso quanto sia pin facile trovare soldi per edifici religiosi che non per le-case di abitazione. Così veniva immediatamente iniziata la costruzione di una nuova S. Maria delle Grazie al Quartiere Trionfale, soprattutto per trasferirvi l’immagine
miracolosa. E il 15 agosto del 1941, in piena guerra mondiale, si inaugurava solennemente in Piazza Francesco Morosmi.



da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema