scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 10 dicembre 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

Arco di S. Marco

Ricordo figurativo di una distruzione pressochč totale che colpirā tessuto urbano e grandi strutture monumentali sopra e sotto il Campidoglio. Siamo in Via dell'Arco di S. Marco come dice pure la targa a sinistra. Andava dalla Piazza di S. Marco fino alla ripresa dei Barbierie sottopassava il Corridore di S. Marco, o viadotto di Paolo III, da cui il nome alla strada. Nato per collegare Palazzetto Venezia (allora posto nell'attuale Piazza Venezia e agganciato in angolo e comunicante con il palazzo maggiore), alla Torre di Paolo III presso il convento dell'Ara Coeli,  "Pijo l'Arco /de li tre Re", aveva raccontato il fuggiasco protagonista del sonetto belliano La pisciata pericolosa del 13 settembre 1830, sorpreso in tali delicate incombenze da un "squizzero der Papa duro duro / tra Madama Lucrezia e tra S. Marco". Ma Roesler Franz non si lascerā sfuggire il quadro ancora intatto e lo restituirā alla nostra conoscenza, alla nostra memoria con tutti i suoi colori sia pure in parte trasfigurati. Ed č questo il primo della seconda serie, sempre di 40 acquarelli, fermata collettivamente al 1891. "Roma pittoresca. Memorie di un'era che passa."

 

Tutto rimaneggiato in questa zona, cancellato, rifatto o ridistribuito per la costruzione del Vittoriano, mezzo monumento al "Re galantuomo" e mezzo "altare della patria" come dice il piccolo catalogo della mostra relativa che abbiamo giā visto e di cui alcune paginette sono rimaste incollate sul retro del dipinto. E il numero 1 viene in esso esclusivamente commentato con un brano tratto dalla Storia di Roma nel Medioevo di Ferdinand Gregoriovius, relativo all'inizio della costruzione del Palazzo di S. Marco da parte di Paolo II (Lib. XIII, cap. VII).

 

A sinistra le mensole e gli archetti del Palazzetto Venezia non ancora demolito e "ribaltato" su Via degli Astalli, a destra l'albergo "Dei Tre Re", del quale pende sulla strada la policroma insegna "alla nordica", appesa cioč ad un braccio di ferro. Vi sono effigiati i soliti tre Re, i "Magi", quello moro al centro, e al bordo inferiore della cornice resta ancora collegato una specie di nastro rigido che reca la scritta "Albergo dei Tre Re". Una seconda tavoletta si intravede fissata al muro. Dove sarā finita la bella insegne? Con la complicitā di Ettore Roesler Franz si potrebbe benissimo rifare, riprodurre in una replica ingannevole per andare a costruire quel nucleo di particolari memorie che il Museo di Roma dovrā bene ospitare un giorno. Proprio a cominciare dalle vecchie insegne. Come fece a suo tempo il parigino Museo Carnavalei.

 

Una loggetta mostra controluce la filigrana dei suoi ferri, un tradizionale carretto romano da carico, la "barozza", si muove in primo piano mentre il classico carretto a vino avanza poco lontano. il balcone con la bandiera segna l'angolo con la Ripresa dei Barbieri. La via che continua oltre l'arco č invece Macel dei Corvi che terminava a S. Maria di Loreto.

 

Qui resta invece inquadrata sul fondo il SS. Nome di Maria, l'altra chiesa di fronte al Foro Traiano. Nei pressi ebbe studio Michelangelo che vi chiuse serenamente la propria esistenza il 18 febbraio 1564 mentre le campane battevano i rintocchi dell'Ave Maria. Ridivenuta Roma italiana, potemmo segnare la storica lapide. In Via de' Fornari 122. "Qui era la casa / consacrata dalla dimora e dalla morte / del divino Michelangelo / SPQR / 1871". Inutile dire che il terremoto del Vittoriano riuscė a cancellare anche questa reliquia. Tuttavia la lapide non andō perduta. Venne anzi riapposta nella stessa strada, in parte sopravvissuta, sia pure su un edificio estraneo. La nuova lapidina di commento dice infatti:  "Questa epigrafe / apposta dal Comune di Roma / nella casa demolita / per la trasformazione edilizia / č stata collocata nello stesso luogo / per cura delle Associazioni Generali di Venezia"
 


da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema