scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 10 gennaio 2015

            

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                      Roma sparita

Santa Sabina

                                    guarda l'acquarello

 

Un tempo questo spiazzo era recintato e tenuto a giardino, e in chiesa si entrava normalmente dal portico sulla facciata. Poi quell'ingresso venne chiuso, il giardino divenne piazza e si potč accedere all'interno del tempio soltanto da questo portico laterale, visibile a destra dell'acquarello.

 

Lo slargo non ha ancora perduto nulla del rustico, di quella suggestione che gli insediamenti edilizi spazzeranno tra poco inesorabilmente. L'intesa č perfetta tra la monumentalitą dell'edificio sacro, che risale al V secolo, e le umili case basse che lo fronteggiano. Al di lą di quelle case c'č il tesoro "verde" dell'Aventino ancora intatto. Ci si accede attraverso il portale che lascia passare sulla strada una striscia di sole.

 

E' mattino. La luce mette in risalto il fianco destro della splendida chiesa che non ha ancora subito la ristrutturazione dovuta ai radicali quanto discreti restauri compiuti da Antonio Munoz almeno un venticinquennio pił tardi. Una luce che accompagna pure alla visione della vicina chiesa dei santi Bonifacio e Alessio, orientata in diversa direzione, e del campanile alto una trentina di metri e alleggerito, negli ultimi tre ordini, da doppie bifore con colonnina centrale. Marmi che fanno spicco in questa slanciata costruzione in opera laterizia, dominante sull'intero Monte Aventino e sicuro elemento di riferimento nel panorama romano. Si veda ad esempio l'acquarello n° 2.

 

In fondo alla strada, Via di S. Sabina,  si scorgono alcuni pinnacoli della originale decorazione piranesiana sulla Piazza dei Cavalieri di Malta.  Ma allora la piazzetta era soltanto una porzione di Via di S. Maria del Priorato che in seguito scomparirą, purtroppo,  dalla toponomastica romana. Una via che avanzava a tratti irregolari e generando tali angoli da sembrare quasi snodata. All'inizio di quella piazzetta scendeva gił verso l'attuale Via Marmorata mentre dalla parete opposta aggirava S. Maria del Priorato per alare poi, pittoresca rampa,  lungo il costone che fronteggia il Tevere e perdersi in Via della Marmorata, quella di allora, oggi Lungotevere Aventino.

 

Due ecclesiastici attraversano lo slargo di S. Sabina. Due uomini di fatica escono invece da quell'area procedendo in direzione opposta. In fondo alla piazzetta sosta un carro sopraccarico e col l'attacco a tre proto (un cavallo e due muli?). Sulla chiazza verde, al centro, razzolano e beccano invece una diecina di galline. E questo delle galline vuol essere proprio un motivo aventiniano, almeno a confrontare erta narrativa contemporanea.

 

Sentiamo ad esempio D'Annunzio, ancora nel Piacere. "Una sera, tornavano a cavallo, dall'Aventino, gił per la Via di Santa Sabina, avendo ancora negli occhi la la gran visione dei palazzi imperiali incendiati dal tramonto, rossi di fiamma tra i cipressi nerastri che penetrava una polvere d'oro... Alcune galline che beccavano in pace tra i ciuffi d'erba, si dispersero ai latrati di Famulus. Lo spiazzo, invaso dalle gramigne, era tranquillo e modesto come il sagrato di un villaggio; ma i muri avevano quella luminositą singolare che riflettesi dagli edifizi di Roma "nell'ora di Tiziano".

 

Quanto a Diego Angeli, lo abbiamo gią letto a proposito dell'acquarello precedente.

 


da "Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz"
di Livio Jannattoni
Newton Compton Editori


accade a Roma


soggettive

la cittą futura

c'era una volta

cittą del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittą del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittą

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema