scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 02 ottobre 2010

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                     antichi sapori

La frittata di patate

Eh sì, questo sapore è proprio antico.

Mia madre, l'ho detto altre volte, non aveva una particolare predisposizione alla cucina, cucinava benino ma cucinava per dovere e capitava, anche questo ho detto altre volte, che lo stesso piatto non venisse sempre uguale. Cosa comprensibile, certo, ma le differenze capitava che fossero macroscopiche e soprattutto con le minestre si accettavano scommesse. Riusciva a differenziare perfino l'uovo al tegamino ma qui aveva una qualche ragione perchè si sa, l'uovo al tegamino non è per niente la cosa più semplice del mondo.

Una cosa però mi sembra le venisse sempre uguale e sempre bene: la frittata di patate (e in generale tutti i fritti). O forse c'erano differenze anche lì ma poichè i bambini amano i fritti, per me erano sempre buonissimi.

La festa più grande era quel giorno che a pranzo era prevista pasta e fagioli e frittata di patate. Il primo era un'incognita, ma col secondo andavamo sul sicuro.

Come faceva (e come faccio quando voglio fare festa):

per ogni uovo una patata bella grossa (un uovo genera due buone porzioni di frittata)

Si pelano le patate, si tagliano a dadini, si friggono in abbondante olio rigorosamente d'oliva fino a quando sono dorate e croccantelle, si scolano su carta assorbente, si spolverano di sale.

Si sbattono le uova con un pizzico di sale e si aggiungono le patate.

Si versa un filo d'olio in una padella rigorosamente antiaderente (se usate quelle di acciaio allora deve essere ben calda), si versano in padella le uova e le patate, di cerca di spargere le patate in maniera uniforme prima che l'uovo rapprenda.  Si fa rosolare.

E qui viene la prova di abilità: girare la frittata.

Io uso un coperchio della stessa grandezza della padella, lo ungo appena appena di olio (per non far attaccare la parte superiore della frittata che ancora non è del tutto cotta), lo metto sopra la padella, capovolgo la padella e poi velocemente faccio scivolare la frittata nella stessa (padella)Ancora pochi minuti e la frittata è pronta.

 

Ad un certo punto, quando mio fratello andò via di casa, mia madre cominciò ad aggiungere alle patate, la cipolla tagliata sottile e rosolata. (la cipolla con i maschi di casa era stata bandita e devo dire che anche io col  mio ex compagno ho avuto la stessa sorte)

E fu frittata di patate e cipolla.

io in seguito ho inserito una ulteriore variante: un pizzico di rosmarino e così fra patate, cipolla e rosmarino, ditemi voi se non è quasi come mangiare l'arrosto.

Uh oh... è mezzogiorno passato. Mi che oggi...

 

angela :)

 

Ho scoperto da amiche romane che da queste parti la frittata si fa in un altro modo. Ma questa è un'altra storia. Ne parliamo venerdì prossimo.

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

fuori porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zetema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema