scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

lunedì 09 maggio 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           soggettive

Gianni Boncompagni

per interviste.romane.net - 2009

E’ in casa con amici. Sta cenando. Volevo rimandare l’intervista di un’ora, per non disturbare, ma lui hai insistito per farla al volo.


Gianni, com’è nata la passione per la radio, per fare radio?
Io sono stato 10 anni in Svezia dove lavoravo alla radio. Lì è nato tutto. Quando sono tornato in Italia avevo gia un bagaglio di lavoro abbastanza notevole. Diciamo che ho fatto il mio apprendistato in Svezia.


In Italia hai fatto coppia per parecchi anni con Renzo Arbore e poi hai lavorato anche da solo. Hai mai pensato ad un nome d’arte, un soprannome?
No! L’unica cosa che ho cambiato è abbreviare il mio nome,cioè da Giandomenico in Gianni. E’più corto.


Qual è stata la tua più grande soddisfazione in campo artistico?
Io e Renzo abbiamo avuto con la radio dei grandissimi successi, da Bandiera gialla ad Alto gradimento, ecc… Queste sono state veramente delle belle soddisfazioni. Sono programmi che vengono ricordati spesso quando parlano della storia della radio. Ma io ho lavorato molto anche in televisione e anche in questo campo ho avuto molte soddisfazioni.


Che effetto ti fa essere chiamato “il mostro sacro della tv”?
Mi sembra una cosa esagerata. Diciamo che so fare il mio mestiere.


Il complimento più bello che hai ricevuto?

Ne ho ricevuto tantissimi, però non ne ho presente uno in particolare. Ho ricevuto tantissimi complimenti, anche dai presidenti della Rai, da amici mie, ecc… Diciamo che sono stato un privilegiato nei trattamenti.


Cose cattive ne hanno scritte su di te?
No! Se le hanno scritte le ho subito rimosse ( risata ).


Quando non lavori quali sono i tuoi hobby?
Amo usare il computer. Mi piace usare programmi di grafica.


Hai un sogno artistico che vorresti vedere realizzato?
Ormai alla mia età i sogni nel cassetto li ho realizzati tutti. Non so cos’altro sognare ( risata ). Non ce l’ho un sogno, Gianfranco.


Ho letto in un’intervista che possedevi la bellezza di 40 mila dischi in vinile e l’hai praticamente regalati ad un rigattiere. Mi spieghi perché l’hai dati via, Gianni? Valevano una fortuna.
Il motivo è perché non avevo il posto per tenerli e poi erano tutti chiusi nelle casse e nessuno li usava più. L’ho dati ad un rigattiere giovane, simpatico. Pensa che c’erano dei dischi rarissimi che valevano una fortuna. Li tenevo nel garage. Erano dieci casse stracolme di dischi. Stavano lì e ingombravano pure. Quando li ho offerti al rigattiere, mi disse che non poteva permettersi di pagare tanto e allora gli ho fatto un prezzo stracciato.


A chi vorresti dire “grazie”?
Sicuramente alla Rai, anche a Raffaella ( Carrà, ndr. ) con la quale ho fatto tante cose insieme.


Tu sei di Arezzo. Quando sei arrivato a Roma e come ricordi l’impatto?
Sono arrivato a Roma nel 1960, venendo dalla Svezia. In Svezia ci sono stato per dieci anni, dove, come dicevo prima, ho lavorato in radio. Ad Arezzo, la mia città, ci sono stato molto poco, perché sono andato via da lì che avevo 18 anni. Quindi mi sento più romano che toscano. Roma l’ho trovata da subito molto simpatica e viva. La amo con tutti i suoi pregi e i suoi difetti.


I romani come li trovi?

Molto buoni. Io sono molto affezionato a Roma e ai romani. Roma perché è bella e i romani perché sono molto simpatici, spiritosi e buoni di cuore.


Ma c’è un angolo di Roma a cui sei legato?
Mi piace molto la Roma antica, quella del centro storico, dei monumenti che ricordano la Roma di una volta, quella dei Cesari. Poi sono molto legato alla zona dove vivo, alla Camilluccia. Una zona tranquilla e ben tenuta.


Se tu fossi sindaco di Roma, cosa faresti per migliorarla?
Si sono dati da fare tutti i sindaci qui a Roma, da Carraro a Rutelli, da Veltroni ad Alemanno. Nelle grandi città c’è sempre da fare qualcosa, per migliorarle. Ci sono cose che vanno e cose che non vanno. I problemi sono tanti… si parte dal traffico, alla pulizia, le strade, le buche… hai voja. Non sai quanti problemi ci sono a Roma. Nonostante tutto, trovo Roma una città molto vivibile, piena di storia, di arte, di attrattive ed è difficile che uno qui a Roma possa annoiarsi. Ci sono divertimenti per tutti i gusti, per tutte le persone, anche quelle più difficili. 

 

ha detto:
- Sono stufo di sapere che le mie tasse finanziano film che non escono o escono in maniera truffaldina.
- Nel cinema odio la volgarità e la cialtroneria. Non ho visto tutto il cinema del mondo, ma per favore non fatemi passare per un analfabeta del cinema.
- Ho cose migliori da fare che sedermi su un divano alle 22 e trenta a vedere Bruno Vespa.
- Sono un comunista col superattico, embè? Perché uno che fa due soldi dovrebbe cambiare idea? Non ho rubato e ho sempre pagato le tasse.
- Sono un uomo Rai. Con Berlusconi mai e poi mai.
- Vado poco al cinema. In sala mi irrito troppo perché c’è gente che parla, che risponde al cellulare, inoltre non so perché tutti i giocatori di pallacanestro che vanno al cinema, si siedono davanti a me che sono un tappo.
- Non lamentatevi mai del clima di Roma. Credo che sia uno dei più belli del mondo, come del resto la città.
 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema