scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

lunedì 28 marzo 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           soggettive

Isabella Biagini nel 1998 per intervisteromane.net

 

Isabella, parliamo un po'di Roma?
Ma io sono Roma, mi sento Roma, caro Gianfranco. lo con Roma c' ho un rapporto molto bello però per certe situazioni mi arrabbio un po' con la mia città, anche se devo ammettere che Rutelli ha fatto molto per rendere più bella la Capitale. Ha messo in risalto Roma bella, i suoi monumenti con luci... guarda il Foro, il Milite Ignoto che prima non si vedeva per niente, mò è tutto bene illuminato.

Qual'é il fascino di Roma?
Roma c'ha un fascino particolare è malandrina, spavalda e molto vera. Spavalda e malandrina nel senso buono della parola e quindi non ha peli sulla lingua.

C'è una zona di Roma a cui ti senti legata?
Si! il Campidoglio, perché li c'ho consumato "alcuni" matrimoni, anche se non sono andati molto bene. Sto aspettando il prossimo, sperando che Rutelli mi sposi personalmente. Mi sento legata al Campidoglio, a parte per i matrimoni, perché ho dei ricordi di quand'ero ragazzina. Da ragazzina assieme alle amiche mie, scendevamo la scalinata, quella dove ci sono i scalini bassi, con gli occhi bendati su una macchina o alle volte con la mitica Vespa. Insomma il Campidoglio mi ricorda un pezzo della mia infanzia, di scavezzacollo. Ero un maschiaccio, altro che bambina facevo pure a botte, a cazzotti.

Com'è il tuo rapporto con la cucina romana?
Io faccio tutti i piatti della cucina romana. Adesso, per motivi di dieta, per altre cose, mi sbizzarrisco un po' meno. Però sulla tavola del buon romano la pasta non manca mai come pure vari spezzatini, vari polpettoni insomma.

Frequenti una trattoria particolare?
Si! quella de casa mia (risata).

Cosa provi nel tornare a Roma dopo una lunga assenza?
Quando parto non vedo l'ora di andarmene, sia perché devo fare un lavoro, sia perché la frenesia di partire mi fa vedere tutto nero, il cane, questo, quello, quell'altro.... Quando arrivo alla stazione per prendere il treno sento già un po' di nostalgia di Roma, poi salgo sul treno e bonasera. Poi quando sto nei posti di lavoro e mi trattengono 2 o 3 giorni sento proprio il richiamo di mamma Roma e quando arrivo a Termini penso: "Meno male!". Prendendo il taxi dico: "Ce risemo 'n'antra vorta, mannaggia !". Capito? Però questo cordone ombelicale resterà sempre, perché Roma è bella dentro e fuori.

Da anni si parla di eliminare o spostare il mercatino domenicale di Porta Portese. Qual é il tuo parere?
E' una tragedia andarci, però quella è Roma, quella è una tradizione. Non si può eliminare. Prima di tutto toglie lavoro a tanta gente che ci lavora, che ha bisogno di mangiare, come tutti. Poi c'è sempre quell'appuntamento li ... dice: "Che facciamo domenica ? Andiamo a Porta Portese". Si vabbè, si potrebbe andare al Pincio, al Gianicolo, insomma Roma offre santissimo... Ma volemo eliminà Porta Portese? E' come togliere lo Stadio 0limpico alla Roma. Spostare sto mercato non avrebbe più il sapore di Porta Portese.  E' come mettere il Milite Ignoto da un'altra parte, la Bocca della Verità a via Eritrea... nun esiste. Lasciamo Porta Portese dove stà.

Un tuo sogno nel cassetto?
Se avessi la bacchetta magica tornerei indietro nel tempo, per rivedere e vivere quel sapore così umano, così bello che c'era tanto tempo fa, che se n ‘è tanto sentito parlare tanto tempo fa. Ora la gente s'è un pò chiusa dentro casa, sola, dietro le finestre e questi punti d'incontro umani come si usava un tempo è un pò svanito. Tu, nel palazzo, al primo piano sapevi già che avevano fatto lo spezzatino, al secondo la frittata co' la cipolla e al terzo i bucatini all'amatriciana. Quando arrivavi all'ultimo piano non avevi più fame perché avevi già mangiato tre piani di profumi. Adesso in queste case, come quella in cui vivo io, così sofisticate, non so, usano tutti capsule, come gli astronauti, penso ... In tre piani non senti più un profumino di sughetto, di spezzatino, neppure di aglio, di cipolla, di soffritto, niente. Mangiano tutti capsule, all'americana. Quella verde è la verdura, quella rossa è la carne, ecc... Non c'è più quel rapporto con il dirimpettaio come una volta, tipo: "A sora Conce', che me date 'npò de prezzemolo?", "A sora Antò, che me prestate 'npò de ajo?". Ecco, quella è la Roma che amo e la gente che amo.
 

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema