scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

lunedì 13 giugno 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           soggettive

Marco Columbro

intervisteromane.net - 2007 

 

A proposito di Roma…Quando ci sei stato la prima volta e come ricordi l’impatto?
A Roma ci sono stato la prima volta circa una quindicina di anni fa . Allora venivo da Milano, non dalla mia Viareggio, perché allora erano gia anni che abitavo a Milano. L’impatto con Roma è stato forte perché è una città molto caotica e nello stesso tempo molto imponente per l’architettura, la vestigia e la storia che essa ha. Poi di sera cambia completamente faccia. E’ come se, la sera, con i suoi colori tenui e le sue luci diventasse una vecchia signora ma con il suo grande fascino. Adesso ci vengo esclusivamente per lavoro e quindi non ho un rapporto stabile e duraturo.

Ti piace la cucina romana?
Con la cucina romana ho un buon rapporto.Amo soprattutto i carciofi, le puntarelle con le alici…
Diciamo che i carciofi alla romana e quelli alla giudìa, insieme alle puntarelle sono due delle cose che amo di più della cucina romana. Non mangio carne, perché come tu sai sono vegetariano da anni ormai.

Sei affezionato a qualche zona di Roma?
No! Anche perché non ho mai vissuto in centro, ho sempre soggiornato fuori Roma, in periferia, quindi non sono legato a nessuna zona in particolare.

Cosa provi nel tornare a Roma dopo una lunga assenza?
Francamente Roma è una città di grande fascino, non ci sono dubbi. Io, specialmente adesso, ho bisogno di calma e di tranquillità e quindi, se posso, evito di andarci e quindi non è che provo grandi emozioni. Se vi vado, mi dirigo verso Formello, dove vive mio figlio, una zona molto tranquilla, dove c’è tanto verde, aria buona e poco caos.

Come vedi il romano?
Il romano, sinceramente , è un gran lavoratore e contemporaneamente ha un suo ego piuttosto forte che lo porta alle volte a voler strafare. Questo è forse il prego e anche il difetto del romano.

Per un uomo di spettacolo, cos’è Roma?
E’ un punto di partenza per chi vuole fare spettacolo. E’ il punto dove si ritrovano i grandi registi, gli attori, i sceneggiatori e i produttori e quindi è un luogo da frequentare, magari con parsimonia, con appuratezza . E’ senz’altro un posto importante per chi lavora nel mondo dello spettacolo.


 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema