martedì 26 gennaio 2016

            

                                                                                             quanto sei bella Roma

Vicolo dell'Atleta

 

 

Come promesso eccoci trasferiti.

L'ultima foto della rubrica "dove siamo", diventa la prima a passare qui a quanto sei bella Roma.

 

Ed ecco un po' di notizie.

Intanto Vicolo dell'Atleta prende il nome dal ritrovamento di una statua che si trovava all'ingresso delle terme di Agrippa.

Si trattava di una copia in marmo dell'originale in bronzo dello scultore greco Lisippo risalente al IV sec. a. C. ma era piaciuta moltissimo all'imperatore Tiberio tanto che l'aveva fatta trasferire nella sua residenza. Ma succedeva che ogni volta che l'imperatore appariva in pubblico, i cittadini la reclamavano a gran voce. E così Tiberio finì per restituirla.

Adesso la statua si trova ai Musei Vaticani.

 

La casa medievale sorge probabilmente nel luogo in cui fu edificata la prima sinagoga di Roma fondata agli inizi dell'anno Mille e poi andata distrutta in un incendio nel 1268. E' qui che si era stabilito, infatti, già ai tempi di Cesare, il primo nucleo della comunità ebraica. perchè nel Trastevere si stabilivano gli stranieri appena arrivati a Roma.

 

Ma Vicolo dell'Atleta, "salendo di scala", guadando non solo ai singoli edifici ma all'insieme del contesto urbano, rivela un profumo particolare.

Particolare per esempio il fatto che un vicolo così piccolo - collega via dei Salumi a via dei Genovesi -  sia per un buon tratto su livelli stradali differenti, uno più alto dell'altro. Pochi metri, intendiamoci, giusto setto/otto gradini da una parte e una discesetta dall'altra e un muro di contenimento con un muretto-parapetto per non cadere di sotto. Ma questo "fa medioevo"; racconta cioè di quel preciso modo di crescere che avevano i borghi, per piccoli aggiustamenti necessari e spontanei visto che si era lontani almeno un paio di secoli dall'idea di pian regolatori e idee del disegno della città. La Roma imperiale che aveva pensato e disegnato i Fori era finita e la Roma rinascimentale dei papi ancora di là da venire.

 

 

In questo senso vicolo dell'Atleta, come altri pezzi di Trastevere, sono rarità sopravvissute perchè si trovano in un rione che era poco monumentale, storicamente poco appetibile e quindi poco rimaneggiato dalla grandezza rinascimentale dei pontefici e dei principi.

Il suo fascino è proprio questo, in questo suo essere minuto e popolare.

Buona passeggiata.

 

 

angela ermes cannizzaro :)

 

PS - Sulle mappe sono segnalati i punti da cui sono state scattate le foto e l'orientamento. Un piccola informazione in più ai nostri lettori

 


accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

quanto sei bella

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema