scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

venerdì 03 dicembre 2010

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                     antichi sapori

Torta di buondì

Sono sicura che questa ricetta piacerà ai bambini o a chi bambino è rimasto nei gusti e nel cuore e non ha problemi a dichiararlo. Perchè? Ma perchè ai bambini piace pasticciare e piacciono le cose dolci specie se molto pasticciate.

Questa mia torta è cominciata con una faccenda tutta di cinema: ricostruivo una certa colazione molto alla buona con caffè e buondì fatta la mattina di un certo viaggio in bicicletta di cui stavo montando il diario di viaggio.

E al mio supermercato i buondì si vendono in confezioni da otto pezzi.

Uno è andato via per il set, un paio li abbiamo mangiati... ne erano rimasti  quattro che,francamentenon sono riuscita a consumare a colazione per sopravvenuta tristezza.

Ma qui non si butta niente e non per tirchieria, solo perchè la tentazione della manipolazione, della trasformazione, di quella che gli alchimisti (e la mia Luisa) e la Yourcenar avrebbero chiamato una piccola opera al nero-rosso-bianco.

Ho guardato i buondì e, come in un cartoon, mi sono apparsi come una specie di versione dolce del pane con cui si fanno le polpette di carne.

E, memore di una certa torta di pane che mi ha insegnato a fare un'amica di Treviglio, ho fatto la mia torta di buondì.

A vederla dalla foto non si presenta bene ma l'immagina non le rende l'onore meritato perchè.... gnam...è buonissima.

E si fa così:

quattro buondì

due uova intere

quattro quadrucci di cioccolato fondente

una manciata di uvetta passa.

 

Si sbriciolano grossolanamente i buondì compresa la glassa zuccherosa che li ricopre.

Si mescolano in una ciotola con le due uova sbattute, l'uvetta e la cioccolata tagliuzzata in scagliette.

L'impasto molle che si ottiene si spalma su una teglia in uno spessore di 2 centimetri, e poi in forno a 150 gradi per dieci minuti..

Giusto il tempo perchè l'uovo si rapprenda e compatti la torta.

Lo so, è un pasticcione da bambini ma "a me mi" fa impazzire e, giuro, il sapore ricorda il panettone farcito al cioccolato..

 

angela :)


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

fuori porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zetema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema