25/11/2005       chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                    c'era una volta

Ho visto l'Alberone col capo chino.
Una volta se diceva "n'do' sei nato?" "all'Alberone risponnevamo". Era il simbolo del quartiere!

Io ho intorno a 60 anni e mi ricordo da sempre questo mitico albero che per i romani era qualcosa di grande e poderoso la sua ombra d'estate, gli uccellini che a frotte cinguettando davano il benvenuto ai viandanti sulla Via Appia Nuova, appunto la piazza si chiama cosi....piazza dell'Alberone.

Er bare all'angolo era er punto de riferimento per gli appuntamenti, e proprio sotto il grande albero, nascevano amoretti e anche incontri di affari e comitive, Cce passava "er tranve" e se scenneva al centro della piazza
e se traversava a' strada pe' annà sotto all'alberone e si aspettava sempre quarcuno,
"Se' vedemio sotto all'arbero - dicevano i nostri nonni - nun te poi sbaja' c'e' puro er mercato de via Gino Capponi, n'do sta' er norcino quello che cia' er ceppo de legno co' sopra er baccala' co' li ceci, vicino alla vecchia drogheria che venne li semi de tutto".

Da ragazzini correvamo sulla via Appia fino all'Alberone e li se fermavamo sotto l'ombra,
Ora vorrei tornarci e dirgli... raccontami cosa hai visto in tutti questi anni,
i carretti, i carri armati tedeschi, le jeep degli americani con le loro cioccolate e caramelle.
 

Nel 1956 co' la nevicata storica de Roma l'arbero era bianco come n' vecchio co' li capelli bianchi ma sempre bello e noi regazzini ridevamo, e lui co' sto aspetto da birbaccione ce sembrava che dicesse "A' regazzi' ma che te ridi. Ma nu' lo vedi che so' vecchio? Ne ho viste talmente tante che oramai me so' quasi abituato a esse paziente co' voialtri
dispettosi."

Intorno a quegli anni accompagnavo mi' sorella che annava a fasse la doccia al diurno, se chiamava così perché c'era un bagno publico n'dove se facevano er bagno na' vorta alla settimana, me diceva "Aspetteme sotto l'alberone e nun te move, n'oretta e ritorno" e io stavo li sotto a sta' quercia granne come er sole aspettà co la lecca-lecca tra le dita  e un pezzo de zucchero d'orzo fatto a casa.

Alla fine degli anni ottanta l'albero morì perché tarli e altri insetti se lo magnarono, ma il comune pensò bene di rimpiazzarlo con un altro un po' più giovane ma sempre alberone,
Ci fu una specie di manifestazione e io ero li con tanta gente che vedeva il proprio quartiere nominato alla televisione per il simbolo dall'albero.

Sapete adesso che succede? Che sotto all'alberone ce so' bancarelle che venneno tutto lo schifo che si può immaginare, ce sò un paio de panchine co' seduti tre o quattro vecchietti a volte calpestati da sto' mezzo casino de ambulanti co' li camioncini parcheggiati qua e là.
Vorrei dire al sindaco Veltroni se viene a fasse na' passeggiata da ste' parti pe' restituì alla gente un po' d'ombra e un po' de ricordi.
A Vartere, tu che sei un vecchio nostalgico delle cose de Roma liberace da sti casini e vedi se se possono sposta' da nantra parte, pe' restituì all'albero la sua dignità.

Il Carducci scrisse sui cipressi alti e schietti nella sua poesia Davanti a S. Guido, mi viene voglia di scriverne una anche io sul mio alberone ma non ne sono capace,
Però la sua presenza e il suo aspettare nel tempo mi commuovono sempre.
ciao ciao

UBALDO detto DUCCIO

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco