scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

venerdì 20 gennaio 2012

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                     antichi sapori

Alici con l'indivia

Ed eccolo, finalmente, il piatto che molti aspettavano e che anche io non vedevo l'ora di preparare.

E voglio cominciare questo racconto con un ode all'alicetta. Io non le avevo mai comprate, mai pulite e mangiate raramente perchè le ho trovate sempre troppo salate o troppo saporite o troppo qualcosa. E mi chiedevo, fra l'altro, come fosse possibile pulire anche dalla lisca un pesciolino così piccolo.

La prima gradevole sorpresa è stata scoprire al banco del pesce al supermercato che le alici, pesce povero, costano veramente poco e sono tanto delicate che non si possono vendere oltre un giorno dalla pesca e dunque sono fresche.

 

Poi, quando si è trattato di pulirle, è stato amore al primo tocco. Le alici sono piccole, delicate, le tocchi e ti fanno tenerezza. Pulirle è facilissimo e nemmeno ti rendi conto di come succede ma alla fine le alici sono li, in filetti come quelli delle scatolette.

 

La ricetta delle alici con l'indivia

Per mezzo chilo di alici serve una cespo di indivia riccia.

Tagliare l'indivia in foglie e pulirla bene sotto l'acqua corrente.

Le ricette ufficiali dicono di lessarla un attimo al dente a di lasciarla sotto sale per un'ora. Io non ho fatto nulla di tutto questo e l'ho lasciata cruda e scrocchiarella.

 

Ungere con olio d'oliva un tegame da forno, fare un primo strato di indivia e poi procedere con uno strato di alici, uno di indivia, uno di alici.... l'ultimo deve essere di indivia.

Condire con sale (poco), pepe e aglio, mettere in forno a 150 gradi per 40 minuti. Et voilà.

 

Ma io ho fatto alcune modifiche perchè... mhhmmmm... tendo sempre ad "ammorbidire" il sapore del pesce.

E dunque innanzi tutto ho lasciato le alici per una mezzora in un succo fatto con mezzo limone e mezza arancia.

Agli strati di alici e indivia ho aggiunto qualche olivetta nera denocciolata ma soprattutto ho spolverato le alici con una manciatina di pecorino romano.

Quasi niente sale e comunque mai sulle alici ma solo sull'indivia,

Una spolveratina di pepe nero,

Niente aglio perchè se da una parte amo l'odore dell'aglio crudo o appena saltato in padella, non amo il sapore che assume quando è cotto a lungo.

Infine ho aggiunto il succo di limone e arancia e per asciugarlo del tutto, dopo la cottura in forno, ho saltato il tortino sul fuoco più alto del fornello a gas.

A questo punto forse avrei potuto aggiungere uno spicchio d'aglio crudo ma non l'ho fatto perchè il profumo era già meraviglioso.

 

So di avere alterato molto la ricetta ma mi diverte che sia diventata così "trasversale": l'arancia ha dato un sentore agro-dolce che ricorda la cucina siciliana, il pecorino, per altro romano, l'ha fatta scantonare nella sperimentazione.

Provare per credere.

 

angela :)


accade a Roma


percorsi

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema