scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

mercoledì 09 luglio 2014

            

                                                                                             la città del cinema

Avanti c'è posto

Cesare fa il bigliettaio sul filobus. Quella mattina Rosella viene derubata ed un grosso guaio perchè i soldi erano quelli che i signori dove presta servizio le avevano affidato per pagare l'affitto al padrone di casa. E non può tornare in paese perchè non ha più nessuno. Cesare si intenerisce, la accompagna dai padroni e constatato che sono persone davvero dure e senza cuore, la porta con se e la aiuta a trovare un novo lavoro. E se ne innamora. Ma Rosella conosce Bruno, conducente del filobus e amico di Cesare, bel tipo, finora cinico. E tra i due nasce un grande amore. A Cesare non resta altro che accompagnare Rosella a salutare Bruno che sta partendo per la guerra in Africa.

 

E' questa partenza l'unico accenno alla guerra che, fino al 1942, non aveva ancora toccato il territorio italiano.

E segnaliamo una curiosità: è la prima volta che in un film che non sia di regime, che qualcuno fa il saluto romano (lo fa Fabrizi al commissario)

 

Il film è uno scorcio del centro storico di Roma, abitato dalle classi popolari: Fabrizi ripete più di una volta, che abita in via del Pellegrino

La sceneggiatura è firmata da Zavattini e, anche nell'ambito di un film sentimentale, il profumo del neorealismo si comincia a sentire, come d'altra parte si sentirà l'anno dopo in Campo de' Fiori, diretto dallo stesso Bonnard. Va detto, a proposito, che questi due furono i film che lanciarono sullo schermo Aldo Fabrizi, figlio di una donna con un banco di frutta a Campo de' Fiori e già apprezzato attore di varietà ma nei limiti di un contesto molto regionale.

Profumo di neorealismo che si sente anche in Ossessione di Luchino Visconti, girato sempre nel 1942. Questo a dimostrazione del fatto che i grandi fenomeni culturali, anche se la nascita non è frutto di convenzione, sono tuttavia maturati in un clima e in una sensibilità che hanno fatto da terreno di coltura.

 

Parlando di location, anche in questo film c'è tanto "trasparente" delle strade di Roma che scorrono dietro i finestrini del filobus. Anche qui la chicca della Stazione Termini nel suo aspetto inizi '900.

 

 

fiore di cactus :)

 

 

 

 

 


accade a Roma


percorsi

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema