scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

23.08.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                       for de porta

Benevento: città ed avventure stradali
 

Città sannita ben nota e molto maledetta dai nostri progenitori romani, al punto che inizialmente l'avevano chiamata Maleventum ed ha cambiato il suo nome nell'attuale solo dopo la vittoria su Pirro, Benevento era uno dei pochi posti “di pregio” della Campania che ancora non avevo visitato. Lacuna colmata qualche giorno fa, approfittando delle vacanze estive e della mia “base” nel Sud Pontino.


Partenza alle 7:30 del mattino, con l'idea di affrontare un viaggio semplice e piacevole di circa 1h30' (almeno secondo il fedele software dal quale prendo sempre le indicazioni e che, purtroppo, non tiene conto delle peculiarità della regione campana; ma ne parleremo a tempo debito). La strada, apparentemente, è semplice: la via Appia... Considerando che casa mia si trova a circa due chilometri dalla regina viarum, nulla di più facile e tranquillo. Almeno in apparenza...
Fino a Caserta tutto come previsto: all'altezza di Santa Maria Capua Vetere, dopo anni di transito in quella zona, non mi faccio fuorviare dai cartelli che propongono di girare verso S. Prisco per raggiungere il capoluogo, ma continuo imperterrito sulla strada statale, con perfetta ragione. Posso capire che gli amministratori del comune affacciato sul Volturno vogliano evitare troppo traffico nel centro cittadino (e magari qualche sospensione rotta in meno sul pavé dissestato del corso del paese), ma portare gli automobilisti ad un giro allucinante fuori dal comune quando la strada dritta è quella più corretta sembra veramente un dispetto ai viaggiatori. Ma è solo il primo dei trabocchetti che ci attende...


Caserta ci si presenta con lo spettacolo unico della piazza antistante la celeberrima Reggia (nota a margine: per chi non l'avesse visitata, correte! E' una magnificenza unica, sia per quanto riguarda la bellezza dei palazzi, sia gli interni, sia, soprattutto, l'indescrivibile e mozzafiato giardino. Non perdetevela!). Il passaggio davanti all'ingresso della stessa è la continuazione diretta dell'Appia, ma è vietata a chi si reca in direzione sud, pertanto si deve effettuare una serie di deviazioni verso la stazione per continuare il viaggio. Peccato che, però, l'indicazione Benevento sia errata e porti verso Napoli anziché verso Maddaloni e, appunto, il capoluogo sannita. Provo a seguire le indicazioni, ma capisco ben presto di aver sbagliato: conosco troppo bene le insidie dell'ex capoluogo della provincia borbonica di Terra di Lavoro per non sapere che si deve raggiungere via Roma (il corso della Caserta moderna) fino allo stadio per riuscire a riprendere l'Appia. E, in barba alle indicazioni, è ciò che faccio. Con successo, ovviamente. Mi attanaglia l'idea di girare verso i monti ed il meraviglioso borgo di Casertavecchia (altra località da non perdere, anche se davvero ardua da raggiungere per l'assoluta mancanza di indicazioni nei bivi cruciali. Riuscire ad inerpicarsi sulla montagna giusta e, poi, ridiscendere correttamente verso la città sono due veri e propri esami di senso dell'orientamento), ma la mia meta è altra e tiro dritto.

 

Superato il bivio per Maddaloni un nuovo spavento: le indicazioni non riportano più la familiare SS7-Appia ma una ignota strada provinciale: dove avremo sbagliato? Proviamo a seguire la strada (del resto sembrava tutto dritto e lineare sulla carta) e scopriamo che, in realtà, la strada è quella: ha solo cambiato indicazione per motivi tutt'altro che chiari. Si avvicinano dei monti e, ad un certo punto, si raggiunge la valle caudina: siamo sicuramente sulla strada giusta, come ricorda la storia. All'altezza di Montesarchio un'altra indicazione fuorviante vuole farci deviare dall'Appia (tornata, nel frattempo sé stessa), ma noi non ci facciamo condizionare e seguiamo la via principale. Sono passate quasi due ore dalla nostra partenza e mi dispiace di non avere il tempo di visitare il centro storico di Montesarchio, col suo castello arroccato sulla cima di una collina conica di grandissimo effetto. L'unico posto davvero bello visitato fino a quel momento. Perché, diciamolo francamente, tutta quella zona dell'interno della Campania non ha grandi attrattive: monti in lontananza, campagne ondulate su ambo i lati e qualche paesucolo qua e là; niente di particolarmente attraente. Ad un certo punto ci appare un cartello che indica 4 ulteriori chilometri alla nostra meta ed il cuore ci si rincuora: non sappiamo ancora quanto sia faticoso entrare in Benevento...


Vediamo la città nella valle di fronte a noi, ma ci rendiamo conto di essere su una specie di tangenziale ben al di sopra della stessa; usciamo all'indicazione “Centro città”, ma della città stessa nemmeno l'ombra (né di altre indicazioni, ovviamente: in Campania, evidentemente, i cartelli stradali non servono: o si usano i navigatori satellitari, che io non ho, o si va a naso...). Usando molta pazienza ed un pizzico di ragionamento, alla fine riusciamo a trovare la città ed una piazza di fronte ad una grande chiesa che pare essere considerata parte del centro cittadino. Troviamo anche un parcheggio gratis (ma era, poi, veramente gratis, o semplicemente le strisce blu erano talmente consumate da non essere più visibili? Non lo sapremo mai) e ci fermiamo, stanchi di un viaggio che era durato già due ore e mezzo. Mi ci vuole un bel po' per rendermi conto che la chiesa romanica in piena ristrutturazione è il Duomo e siamo arrivati a piazza Orsini, la piazza dedicata a Benedetto XIII Orsini, nativo della città sannita. La prima impressione non è del tutto positiva, aggravata dai tanti edifici in stato di semi abbandono e dei tanti cantieri visibili nella zona attorno al teatro romano, peraltro non visitabile, tenuto in condizioni tutt'altro che eccelse. Percorriamo Corso Vittorio Emanuele (poco più di una stradina di 50 metri di lunghezza) per arrivare al LungoCalore (il fiume che bagna la città) ed al ponte vanvitelliano. Ed altro paio di brutte sorprese. Il fiume è poco più di una palude stagnante e maleodorante in cui non verrebbe voglia a nessuno sano di mente di avvicinarsi ed il ponte... trema! Il passaggio di un bus di linea è tale da simulare un terremoto del 5°, 6° grado della scala Mercalli. Con rapidità ed apprensione riguadagniamo la riva in direzione dell'arco di Traiano. Ormai giriamo la città più per dovere nei confronti dei lettori di “Iloveroma” che per vero interesse. E sbagliamo. L'Arco di Traiano è il primo pezzo di città davvero bello, ma è anche la porta verso una Benevento diversa, costituita dall'isola pedonale del centro storico. I suoi palazzi, in stile barocco e settecentesco sono, per quanto carichi e pesanti come spesso nelle città che hanno subito una dominazione spagnola, molto belli e ben tenuti. Corso Garibaldi, la via principale della città, è ordinata, pulita e molto attraente. Vi si aprono un paio di piazze con palazzi di pregevole fattura (da ricordare il Convivio Generale) fino alla splendida chiesa di Santa Sofia, una piccola perla a pianta rotonda davvero magnifica e con un campanile romanico che, al contrario delle chiese normali, si trova al centro della grande piazza, a svariate decine di metri dall'edificio sacro. Bello anche il palazzo del Municipio e, soprattutto, la Rocca, con, davanti all'ingresso, la statua che il S.P.Q.B. ha dedicato all'imperatore Nerva, evidentemente originario di queste parti. Nel complesso una bella città, almeno in quella zona, ma che mi ha lasciato lo stesso amaro in bocca che avevo subito a Catania, splendida nella zona di Via Etnea, ma inguardabile appena fuori dal centro. Amaro subito scacciato dalle specialità locali: i dolci allo Strega, tipici della zona, nonché i torroni, di cui Benevento è inventrice e gran produttrice.


Finito il giro delle bellezze locali, siamo tornati in macchina direzione casa. Ed è ricominciato l'incubo campano: visti i problemi dell'andata, avremmo deciso di tornare via autostrada. Peccato che, vuoi per un mio errore (mi sono dimenticato che l'autostrada più vicina alla città è la A16, Napoli Bari e non la fida e conosciuta A1), vuoi per le solite indicazioni sballate (si possono indicare le direzioni della A16, a pochi chilometri, E dell'A1 a più di 50km di distanza sullo stesso cartello senza specificare le distanze? E poi dicono che uno sbaglia!!!), siamo finiti sulla SS Telesina che porta niente di meno che a Caianello, ovvero a poca distanza dal confine col Lazio. Strada sicuramente meno trafficata dell'Appia (anche perché non attraversa nemmeno un paese e sembra essere stata costruita più come raccordo che per servire delle zone abitate), ma che ci ha indotto all'ennesimo errore: una volta visto il bivio per Teano ci siamo detti che eravamo ad un passo dalla fida Appia e, pertanto, senza raggiungere Caianello, entrare in autostrada ed uscire subito dopo a San Vittore, avremmo potuto prendere quello svincolo per ritrovare la fida via. Mai errore fu più grande. Le indicazioni dalle parti del luogo del famoso incontro tra Vittorio Emanuele II e Garibaldi sono ancora più confuse e devianti. Non viene indicata la strada per l'Appia, ma per la Casilina (eppure lo svincolo per l'Appia esiste: l'avevamo notato all'andata...) e tutte le direzioni vengono completamente nascoste una volta in paese. Si arriva ad una rotatoria con tre scelte e nessun cartello: la conformazione delle strade non aiuta e, pertanto... si sbaglia facilmente. Infatti, dopo altri chilometri in mezzo al nulla (e con la sgradevole sensazione di star tornando indietro), ci siamo ritrovati di fronte ad una strada principale e, tanto per cambiare, senza indicazioni decisive. Anzi no: dietro all'incrocio, in una posizione quasi invisibile per chi proveniva dalla nostra direzione c'era un cartello che recitava “Cassino 39”. Dato che il paesone noto per l'Abbazia si trova sulla Casilina e da lì parte la statale 630 Ausonia, eravamo giunti, finalmente, su una strada che ci avrebbe riportati a casa. E così è stato. Con fatica, rabbia e delusione, ma ce l'abbiamo fatta. Rabbia soprattutto una volta entrati nel Lazio: dal nulla hanno cominciato ad apparire indicazioni stradali ad ogni incrocio di una certa importanza: cartelli con ben esplicitate direzioni, comuni e distanze e, soprattutto, anche corretti. Perché, mi chiedo, in Campania il regime deve essere tanto differente? Ho sentito dire che la Campania è come una pianta carnivora: ti permette di entrare e ti accoglie magnificamente, ma non ti lascia più uscire. E' la terza volta negli ultimi tre anni che mi reco in posti nuovi di tale regione ed è la terza volta che mi ritrovo davanti agli stessi problemi, pur avendo visitato zone molto distanti tra loro: quindi deve essere proprio una direttiva locale. Peccato, perché la regione sarebbe da visitare; solo che bisogna armarsi di tanta pazienza, tanta benzina ed una guida locale che vi porti in giro. Altrimenti perdersi è quasi matematico.

Flavio

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio