scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

10.01.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                  c'era una volta

Quanto sei bella Roma!
La beffa alla “Bocca della verità”


Ieri mattina, incoraggiato dal insolito quanto gradito clima semi-primaverile, ho preso il mio consueto trenino da Cerenova e ho bighellonato per Roma. Che goduria! Ad un certo punto, trovandomi vicino al Tevere, nei pressi di S. Maria in Cosmedin, ho creduto di aver visto un volto politicamente noto nei pressi del famoso chiusino di cloaca murato nell’atrio della chiesa: ma sì, era proprio l’ex ministro Tremonti! Probabilmente si accingeva ad infilare la manina nella temibile “bocca della verità” dopo aver affermato solennemente che il suo governo aveva lasciato all’Italia i conti perfettamente in regola. Mi sono avvicinato di più, ma ho constatato di essermi sbagliato: non era, per quanto gli somigliasse, Pierino il terribile, ma una simpatica guida che raccontava alle decine di giapponesine estasiate e titubanti accanto alla gelida fessura la leggenda di quella, come afferma il Belli
“…. faccia de pietra che t’impara
chi ha detta la bucìa, chi nun l’ha detta.”
Chissà se ha detto loro che, probabilmente, ai tempi dei tempi, dietro il disco, il cui diametro ricordiamo è di quasi un metro e ottanta, per rafforzare la leggenda sul terribile potere di quella testa di fauno c’era un incaricato con in mano una tagliente daga? Io, conoscendo il caratterino dei miei antichi avi, sono portato a crederci.
Avrei invece raccontato volentieri alle belle geishe un’altra storia che circola per Roma da almeno quattro-cinquecento anni. Sembra che la avvenente moglie di un nobile romano, stanti le prolungate assenze del marito preso da varie guerre e guerricciole, avesse trovato il modo di supplire a queste “carenze coniugali” trovandosi un giovane e robusto amichetto.
Per farla breve, il nobiluomo, raggiunto da pettegolezzi e dicerie, volle diradare ogni sospetto costringendo la moglie ad affrontare pubblicamente il giudizio della Bocca della Verità.
Quel giorno, è ovvio, intorno alla Bocca si era radunata una gran folla, golosamente attratta dalla boccaccesca faccenda; all’arrivo della carrozza dei nobili, non appena la donna fu scesa, un giovane scalmanato e gesticolante le corse incontro e l’abbracciò e baciò furiosamente, trattenuto a stento dai presenti, marito compreso. Poi fuggì, di corsa come era arrivato.
La donna, imperturbabile, non fece una piega: si avvicinò all’antica pietra, infilò la mano nel pertugio e volta verso il pubblico esclamò ad alta voce: “Giuro che mai, dico mai, nessuno mi ha abbracciato e baciato da quando non son più bimbetta, escluso naturalmente il mio signor marito e quel povero demente che avete appena visto tutti!”. Poi, tra la folla plaudente, risalì altera sulla sua carrozza.
Ah, le donne! Ne sanno una più del diavolo.


Claudio

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio