scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

25.12.2006 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                           antichi sapori di Roma ... e non solo

I broccoli "affucati"

Immagino che il mangiare di magro tutto il giorno della vigilia di Natale fosse in previsione della grande abbuffata del pranzo di Natale, insomma come molte tradizioni e prescrizioni, dietro il valore religioso, si nascondeva una precauzione alimentare.

Magro significava niente carne, niente uova, niente formaggi; unica proteina ammessa era quella del pesce.

E niente dolci almeno fino a mezzanotte quando di ritorno dalla Santa Messa, si apriva il panettone, il torrone, si brindava e si sparava col fucile da caccia dalla finestra per salutare il bambinello.

Il pranzo, sempre in previsione del cenone (per quanto magro) era a dir poco frugale: crispeddhi e broccoli affucati.

E i broccoli meritano un capitolo a parte.

Io non ricordo pi¨ cosa si mangiasse la vigilia, probabilmente verdura lessata, cicoria che a mia madre piaceva tanto. PerchŔ i broccoli erano banditi: non piacevano a mio fratello. E va detto che non gli piacevano per partito preso perchŔ non ricordo che mia madre li facesse spesso. Era gradita, con prudenza, solo la minestra di pasta e broccoli, con molta pi¨ prudenza quella di pasta e cavolfiore.

La prudenza era legata alla ben nota capacitÓ di mia madre di cucinare a seconda dell'umore della giornata e il suo umore, ahinoi e ahilei, era quasi sempre grigio, a volte decisamente nero. (che vita!)

Poi un giorno Franco arriva a casa e racconta che dalla fidanzata Mariuccia, dove si recava a cena tutte le sere, aveva mangiato una cosa deliziosa, o meglio, la versione deliziosa dei broccoli affucati "perchŔ non li fai, mammÓ?" E per sua fortuna mammÓ era pi¨ incline alla depressione che alle arrabbiature.

MammÓ procedeva cosý:

in una pentola si mette un fondo di olio d'oliva e si fa soffriggere uno o due spicchi d'aglio (a seconda della quantitÓ di broccoli, diciamo che mezzo chilo di broccoli basta uno spicchio).

A proposito, i broccoli devono essere quelli siciliani, quelli che somigliano alle cime di rapa ma anzichÚ essere verde brillante sono quasi blu, hanno il fiore pi¨ cicciotto e le foglie pi¨ piccole e il gambo pi¨ paffuto. Di questo broccolo si usa quasi tutto: le foglie, il fiore e anche la parte interna del gambo, pulita e tagliata a listarelle.

Appena l'aglio Ŕ imbiondito, si scaraventano i broccoli dentro alla pentola e si copre in fretta con il coperchio; questo per evitare di bruciarsi con gli schizzi d'olio bollente e per fare in modo che il vapore faccia cuocere dolcemente i broccoli che altrimenti si brucerebbero e questa del bruciato era il tallone d'Achille di mammÓ...

Abbassare il fuoco e aspettare che siano cotti, cioŔ quando perdono il loro colore verdeblu e diventano di un bel colore...verdebrunocotto.

 

L'arrivo dei broccoli affucati per me fu una vera festa perchŔ tanto odiavo le crispeddhi e la cicoria, tanto mi innamorai perdutamente dei broccoli affucati: la prima volta ne mangiai talmente tanti da sentirmi male; diciamo che ero l'eccezione alla regola che ai bambini non piacciono le verdure.

 

In tutto questo ho visto che paese che vai, broccolo che trovi. A Roma pochissimi ricordano un piatto tradizionale, tutti dicono generalmente "pesce". Deve essere l'effetto "caput mundi", o meglio ancora l'effetto "capitale del regno", cosa per cui tutte le cucine italiane si sono allegramente mescolate. Ma Maria Pia mi ha raccontato che cento e passa anni fa ha scoperto che, parlando di verdure, la vigilia di Natale si mangiavano i "frittelli", cioŔ il broccolo romano fritto in pastella che Ŕ come dire, la sintesi delle crispelle e dei broccoli affucati.

Per il resto era pasta col tonno e baccalÓ con l'uvetta, ma questa Ŕ un'altra storia

 

angela :)

 

ps - la stessa cosa dei broccoli affucati tra Franco e mammÓ successe per i carciofi ripieni ma ci sarÓ tempo anche per questo.

 


accade a Roma


soggettive

la cittÓ futura

c'era una volta

cittÓ del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

ZŔtema

Upter

CittÓ del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

CinecittÓ

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio