scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

04.07.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          soggettive

L'incantevole Calatrava

Forse č effetto dell'italiano che parla, lingua non sua, ma ha una andatura mite, gentile, sotto alla quale si sente una grande fiamma.

 

Ringrazia Roma, cittā dell'architettura che si impara nelle strade, per l'accoglienza che lo fa sentire romano.

Definisce Roma una cittā "ad alta velocitā visuale" dove, cioč, l'occhio non di stanca di guardare.

 

A chi gli chiede provocatoriamente del quarto ponte di Venezia che ancora non si riesce ad ultimare risponde che costruire a Venezia č uno degli onori pių grandi che si possono avere in vita e che il nostro tempo di giusta democrazia lo ha portato a discutere ed ascoltare il sovrintendente, il sindaco, i comitati di quartiere, e il ponte sarā montato entro questa estate.

 

E gli piacerebbe essere davvero come qualcuno lo ha definito "un architetto neo-barocco" perchč il barocco, che ha a Roma le sue magnifiche espressioni, ha rappresentato un momento di enorme innovazione. Barocco č stato Borromini ma anche Caravaggio, Rembrand e Velasquez, tanto per parlare non solo di architettura.

 

E poi passo alla mostra che non č di progetti ma delle sue sculture e disegni, perchč Calatrava č come un artista rinascimentale quando le arti non erano separate.

E alla mostra dove tocco il fondo del fondo della mia poca sensibilitā all'arte moderna (o forse č solo il caldo di questa terribile estate?).

 

Davanti alle prime sculture passo velocemente.

La prima che mi attira č questa, che mi sembra una barca e invece, leggo, si intitola "candela" o qualcosa del genere (ho perso proprio quell'appunto ma il senso della mia inadeguatezza č chiaro).

Avanzo, questa č "foglia che cresce".

Avanzo ancora: uccello che canta. ...sono senza speranza alcuna.

Ma qualcosa comincia a farsi strada: davanti a questa opera mi sorge il sospetto che quei fili di acciaio possano avere a che fare con un arpa... infatti si chiama "stella musicale".

E infatti le prime opere erano "testa"

 

E' proprio vero che l'arte parla al cuore se perfino una "dura d'orecchi all'arte contemporanea" come me, alla fine....

 

ac

 


accade a Roma


soggettive

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio