scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

martedì 13 novembre 2012

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           fuori porta

Camera con vista

Inizi 900. Lucy è arrivata a Firenze in vacanza accompagnata dalla segaligna cugina Charlotte ma le loro camere nella pensione popolata da turisti inglesi e americani, non hanno la vista che invece avevano concordato.

Vengono in loro soccorso George e il padre, inglesi anche loro ma molto meno formali: propongono uno scambio che ovviamente Charlotte trova inopportuno: una ragazza dormire nel letto di un giovanotto! Lucy non è così bacchettona, accettano e la vacanza continuerebbe tranquilla se la mattina seguente Lucy non assistesse ad una rissa con accoltellamento e morto: Lucy ne è tanto sconvolta che sviene e viene soccorsa proprio da George. Svenire tra le braccia del giovanotto potrebbe dare adito a qualche pettegolezzo e Lucy lo prega di non raccontare di quello che giudica "uno sciocco comportamento".

Ma lo scandalo vero rischia di scoppiare durante la gita in campagna quando George, all'improvviso, la bacia in mezzo ad un prato fiorito: tanta spontaneità è assolutamente proibita nell'Inghilterra edoardiana. Charlotte ha visto, per fortuna da sola, e convince Lucy che dell'episodio non bisognerà mai dire nulla nemmeno a casa.

Ma tornate nella tranquilla Inghilterra, Lucy s accorge, piano piano, che l'Italia ha lasciato il segno. L'Italia, la Toscana e Firenze, non tanto il bacio di George che comunque non le è indifferente e che finirà per sposare senza paura di dare scandalo rompendo il fidanzamento con il bacchettone Cecilio (uno strepitoso Daniel Dee Luis).

 

E' una storia di turiste ai limiti della sindrome i Stendhal, dove Firenze e la bellezza si pongono come alternativa di spontaneità al conformismo. Lucy viene "trasfigurata" da Firenze e in questa trasfigurazione porta in superficie la sua vera natura appassionata.

 

Se il libro, pubblicato nel 1908, è il più romantico di Edward Morgan Forster, il film di James Ivory del 1985, riesce a creare una atmosfera meravigliosamente sospesa e a farci vivere leggermente sulle righe tutta la vicenda di Lucy, in uno stato leggermente fuori dalla realtà, esattamente come sono George e Lucy e tutti gli altri personaggi, chi per l'eccessiva convenzione, chi per l'ardire di contravvenirle.

In ogni caso, una storia di viaggio che cambia profondamente i viaggiatori, come è giusto che sia.

 

Per chi volesse leggere o rileggere...

 

 


accade a Roma


percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema