scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

domenica 16 gennaio 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                     antichi sapori

Cannoli siciliani

Ieri era proprio una bella giornata. Roma è una città fortunata, non abbiamo fatto in tempo a disfare gli addobbi di Natale che sembra quasi primavera. E c'è un bel dire che il tempo è cambiato; a me sembra sia stato così quasi tutti gli anni, settimana più, settimana meno.

Così ho deciso di tornare a casa a piedi.

E nella curva di via IV novembre, dalla vetrina di un bar, mi ha fatto occhiolino una locandina di prodotti tipici siciliani; c'erano solo tre cose, un arancino, la birra Messina e un cannolo. Segno inequivocabile che era la giornata giusta per fare finalmente i cannoli.

Deve essere stata anche una giornata fortunata perchè nell'ex "sorelle Adamoli" in via del Plebiscito, sì, il grande casalinghi davanti alla fermata soppressa perchè nel portone di fronte abita il nostro attuale presidente del consiglio... Dicevo, al negozio ho trovato l'ultima confezione di cannelle in acciaio per cannoli siciliani, strumento indispensabile. Avrei abbracciato l'anziana commessa.

Anna, la mia compagna di banco che abita a Monselice, mi ha detto che lei per anni ha adoperato le cannelle della madre, che erano proprio tagliate da una canna; ma friggi oggi, friggi domani, alla fine si erano fritte e allora ha mandato il marito in un canneto a farsele tagliare nuovamente: "non è possibile che abitiamo in campagna e io debba usare le cannelle di acciaio". Una purista. Ho pensato ai canneti romani in riva al Tevere e mi sono venuti i brividi all'idea dell'acqua di cui le canne si nutrono. No, no. Acciaio, lucido, freddo, asettico, igienico.

 

Ed ecco come si fanno i cannoli, tenendo presente che la quantità indicata (la minima perchè comprende un uovo e un uovo, a meno che non sia sbattuto, è difficilmente frazionabile), genera circa venti cannoli, il che mi ha fatto considerare che i cannoli devono essere stati un dolce povero: strutto, un uovo, la ricotta che è l'ultimo dei formaggi, il più povero di grassi...

A proposito dello strutto: pensavo fosse difficile trovarlo, lo pensavo un grasso "antico" e invece era lì, accanto al burro, al supermercato sotto casa... che meraviglia.

 

Per la “scorcia” (l’involucro)
6 cucchiai pieni di farina (200g)
1 cucchiaio di strutto (37g)
1 cucchiaio raso di zucchero (20g)
1 uovo
1 albume
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di cacao amaro (7g)
2 cucchiai di aceto bianco (30g)
2 cucchiai di Marsala secco (30g)
Olio di semi di girasole per friggere

Mescolare farina, zucchero, cacao e sale.
Aggiungere lo strutto al miscuglio di farina e farlo ben amalgamare (io l'ho sbriciolato con le dita come per la frolla)
Unire l'uovo, farlo assorbire e

continuare a lavorare aggiungendo il Marsala e l’aceto fino ad
ottenere un impasto non troppo morbido ma consistente.

Formare una palla, avvolgerla in pellicola da  cucina e riporre in frigo per almeno un’ora.
Spianare l’impasto ad uno spessore sottile spolverando  con la farina  Ricavare dei dischetti dal diametro di circa 10 cm. (mi sono aiutata con la tazza del caffelatte)
Avvolgere i dischetti nelle cannelle unte d’olio, congiungendo i bordi
con l’albume battuto.

Friggere in abbondante olio ben caldo. Non appena la pasta sarà
di un bel dorato scuro scolare e mettere a raffreddare su carta assorbente da cucina.

 

E' buffo, le scorcie si sfilano dalla cannella con molta facilità ma fate attenzione, la cannella è rovente, io mi sono scottata, stupidamente

Per la crema di ricotta
1/2 chilo di ricotta
6 cucchiai di zucchero 200g
Amalgamare bene la ricotta con lo zucchero e l asciare riposare per un’ora.

Farcire i cannoli aiutandovi con la siringa da dolci con la bocchetta più larga che avete.

Se poi, una volta stesa la pasta, anzichè tagliare dischi, tagliate quadrati, il cannolo avrà le aperture più larghe e potrete farcirli semplicemente con il cucchiaio usato come una spatola.

Guarnire con una bella scaglia di cioccolato alle due estremità del cannolo.

La regola vorrebbe che siamo ciliegia e scorza d'arancio candite ma, come si sa, io odio i canditi e quindi...

 

Naturalmente la differenza si sente subito: il nostro cannolo casalingo tenderà a perdere la croccantezza, segno evidente che i pasticceri qualcosina la aggiungono....

 

PS - Pare si chiami cannolo perchè il cannolo è quello da dove scende l'acqua, il rubinetto, solo che qui c'è la ricotta dolce. Gnam.


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

fuori porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zetema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema