scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

10.06.2008 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                        for de porta

Palazzo Farnese... a Caprarola

L'ho scoperto un po' per caso ed ho faticato molto meno del previsto a convincere la mia solita amica a visitarlo; alla fine della giornata devo dire che sono rimasto incredibilmente colpito da ciò che avevo osservato.
Sto parlando di Palazzo Farnese. Mi si dirà: vabbè, ma che c'è di strano? Palazzo Farnese, dietro Campo de' Fiori, è l'ambasciata di Francia dai tempi pontifici etc. etc...
Già, ma io non parlo di “quel” Palazzo Farnese, ma di un altro, quello di Caprarola. Paesino non lontano da Viterbo ed affacciato sul lago di Vico (di cui condivide il territorio con Ronciglione), il Palazzo è una delle tante meraviglie d'Italia tenute ben nascoste da chi dovrebbe divulgare la cultura e le bellezze di questo Paese. Nato come fortezza della potente famiglia viterbese, durante i lavori di costruzione, alla fine del '500, venne modificato in residenza di rappresentanza. La scelta del luogo non era casuale: Caprarola era un posto non lontano da Viterbo, città di nascita della famiglia, e da Roma, centro del potere dell'epoca; in più era posta su una rocca che dominava tutta l'area circostante.
La forma pentagonale dell'edificio, in realtà, rispecchia il progetto militare iniziale, ma i giardini che lo ingentiliscono e le modifiche architettoniche effettuate dal Vignola lo hanno reso un luogo davvero affascinante e da non perdere.
Ma veniamo alla nostra visita: per quanto Caprarola non sia particolarmente lontana da Roma (circa una settantina di km), raggiungerla è stata alquanto problematica, a causa di un traffico tutt'altro che scarso (forse anche perché, di solito, l'orario di partenza delle mie gite è molto più antelucano ma, quando si ha un'accompagnatrice dormigliona....) e di un appuntamento per pranzo con amici in un luogo non proprio facile da trovare. Così, alla fine, è saltato il programmato (da me) giro in paese ed al lago e ci siamo concentrati in un'inaspettata fiera locale (niente di speciale, ma che sembrava attrarre parecchi espositori locali e non) e sul Palazzo.
Grande scalone ed area d'ingresso, splendida entrata con la biglietteria posta su un lato e... prima grande sorpresa: il prezzo del biglietto. Abituati ai costi della cultura romana, sentir dire che l'ingresso costa 2 euro e si può restare nel piano nobile (l'unico aperto al pubblico) per tutto il tempo che si vuole (ci sono anche numerose sedie per permettere a chi sia stanco di riposarsi ammirando i preziosi affreschi); in caso, esiste un servizio di guida (circa un'ora per visitare tutto il palazzo) all'incredibile costo aggiuntivo di 2,50 euro. Nemmeno la metà, in totale, di una qualsiasi mostra del Vittoriano!!!
Una volta entrati ed accompagnati dalla guida, ci si pone di fronte una magnifica scala elicoidale finemente affrescata. La parte più interessante è la spiegazione della guida: la presentazione di una famiglia importante del Rinascimento che, tramite l'arte e le raffigurazioni classiche, mostra tutta la sua potenza e la sua, lasciatemi passare il termine, arroganza. “Siamo come gli Argonauti, abbiamo affrontato tanti problemi, ma li abbiamo superati. Andiamo dritti al bersaglio. Guai ai nostri nemici”, come presentazione non c'è male. O no? Ed il giglio, simbolo di famiglia, ripetuta un po' dappertutto, tanto per non far dimenticare agli ospiti in casa di chi si trovassero. Non credo, sinceramente, che all'epoca sarei stato un estimatore della famiglia che ha dato i natali a papa Paolo III (Alessandro Farnese) o al famoso Cardinal Alessando Farnese (nipote del primo), diplomatico di caratura europea alla fine del XVI secolo.
Le sale del piano nobile, sia quelle di rappresentanza, sia quelle degli appartamenti privati (estivo ed invernale) sono tutte magnificamente affrescate. Mirabili la sala di Ercole, con la fontana interna che rievoca il fiume che una volta scorreva per Caprarola, le vedute dei possedimenti di famiglia, sia in zona, sia le amate Parma e Piacenza, la storia mitologica della nascita del lago di Vico (creato secondo la loro leggenda, da un Ercole-Alessandro Farnese che piantando la clava nel terreno per mostrare la sua forza ai pastori ed estraendola dal terreno, era andato talmente in profondità da far uscire l'acqua che avrebbe formato il lago), la sala degli Angeli, con i suoi giochi di eco e la sala delle Carte Geografiche, realizzata dagli stessi artisti e cartografi che hanno dipinto l'analoga sala dei Musei Vaticani. I giardini, poi, sono meravigliosi: purtroppo la domenica quelli superiori, sicuramente più ricchi e curati, sono chiusi, ma già quelli inferiori, con la splendida fonte in fondo al viale, danno l'idea della bellezza e dell'eleganza del luogo (altro che quelli di Palazzo Barberini, ma questo è un altro discorso...). In sintesi, Palazzo Farnese è uno splendido gioiello nascosto nella campagna viterbese che ancora pochi conoscono ed ancor meno divulgano e rendono noto. Un luogo che io consiglio vivamente.

Flavio

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio